Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Gli nega il denaro, lui la uccide: il colpevole è il figlio adottivo della donna

CONDIVIDI

Vercelli. Aveva finalmente deciso di dire basta alle continue richieste di denaro che suo figlio adottivo avanzava e questa volta, anziché accontentarlo, gli aveva detto di no. Una presa di posizione che è costata cara alla 66enne Paola Merlo: l’uomo ha reagito con rabbia e l’ha uccisa.

Vercelli, il killer ha inscenato un incidente domestico

Paola Merlo, insegnante in pensione di 66 anni molto attiva nel campo del volontariato, è stata ritrovata morta martedì scorso nella sua casa di Vercelli. A prima vista, sembrava essersi trattato di un incidente: la donna era caduta ed era morta per le ferite riportate. A dare l’allarme e questa versione dei fatti il figlio adottivo Caleb Ndong Merlo, un giovane uomo di 30 anni originario del Camerun.

Il ragazzo ha raccontato ai sanitari del 118 di aver trovato la madre riversa in bagno e che, secondo lui, la donna era caduta mentre svolgeva le pulizie domestiche. La polizia, però, è stata messa in allerta da una fonte confidenziale che ha parlato di vistose incongruenze tra la scena del crimine e la versione riportata da Caleb Ndong Merlo. Ed infatti di crimine si è trattato: il figlio di Paola Merlo ha solo fatto finta di ritrovare il suo cadavere ma in realtà lui l’avrebbe uccisa e poi avrebbe inscenato il dramma.

Il figlio adottivo di Paola Merlo affetto da ludopatia

L’autopsia sul corpo della donna ha rivelato come fondati i sospetti della fonte che si è rivolta agli agenti: le ferite sul corpo di Paola Merlo sono compatibili con una brutale aggressione e non con le ferite che si potrebbero riportare in una caduta. A quel punto, individuato facilmente anche il movente di Caleb Ndong Merlo: l’uomo ha contratto debiti a causa della ludopatia che lo affligge ma Paola non aveva più intenzione di dargli denaro.

Maria Mento