Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Vicende da incubo, ragazzina di 12 anni stuprata ripetutamente per 7 mesi da 18 uomini

CONDIVIDI

In tribunale i 18 uomini che hanno stuprato una 12enne per 7 mesi

Si sono presentati per la prima volta in tribunale i 18 uomini accusati di stupro di gruppo, tentato omicidio e minacce di morte ai danni di una dodicenne. Secondo la denuncia presentata alla polizia dalla ragazzina, gli uomini l’avevano approcciata per la prima volta sedandola con un narcotico e portandola poi in una stanza per stuprarla a turno. Il terrificante atto di violenza nei suoi confronti è durato per un periodo totale di 7 mesi, durante i quali la 12enne viveva il dolore per le continue violenze e la paura di morte per le minacce subite dagli uomini: questi infatti le puntavano un coltello alla gola e le dicevano che l’avrebbero prima condiviso le immagini dello stupro quindi uccisa se avesse provato a denunciarli.

Un giorno la piccola ha avuto un crollo emotivo ed ha confessato cosa stava accadendo alla sorella più grande, la quale ha immediatamente informato i genitori e portato la sorella alla polizia per farle sporgere denuncia. Tra i colpevoli c’erano impiegati, addetti all’ascensore, guardie di sicurezza e idraulici che lavoravano nel palazzo in cui abita la vittima. Il tutto si è verificato nella città indiana di Chennai, ma è solo uno dei numerosi casi di violenza sessuale di gruppo ai danni di una ragazzina di età pari o inferiore ai 12 anni.

Stuprano in 18 una dodicenne per 7 mesi: la folla cerca di linciarli

Per permettere agli uomini di entrare in tribunale incolumi è stato disposta un’ingente presenza di poliziotti, in alcune immagini è possibile vedere come alcune persone provino a colpirli attraverso le grate del pullman che li stava trasportando ed in altre si vedono alcuni avvocati che accerchiano e colpiscono uno degli imputati sulle scale del tribunale. La gravità dell’azione commessa da questi uomini ha suscitato la rabbia della popolazione che chiede a gran voce giustizia per la vittima di tanta barbara crudeltà.