Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Filmato l’amazzone sopravvissuto all’omicidio della sua tribù. Vive da solo e non vuole contatti con la civiltà

CONDIVIDI

amazzoneL’ultimo amazzone ripreso dalle telecamere

Diversi filmati girati nello stato brasiliano di Rondonia mostrano un uomo che si ritiene essere l’ultimo sopravvissuto di una tribù amazzonica totalmente sterminata. L’uomo è stato “scoperto” 22 anni dopo che la sua tribù è stata uccisa dai coltivatori.

Il sopravvissuto, noto come “l’uomo indigeno nella tana”, è stato filmato da funzionari governativi. Stando alle prime interazioni, sembra che l’uomo fosse convinto di vivere all’incirca negli anni ’50.

Altair Algayer, dell’agenzia indigena Funai, ha dichiarato al Guardian: “Capisco la sua decisione. È il suo gesto di resistenza, e un po ‘di ripudio, odio, conoscendo la storia che ha attraversato”.

Non vuole avere rapporti con la civiltà

Algayer rivela che l’uomo fu notato per la prima volta da alcuni esperti nel 1996, un anno dopo l’omicidio degli altri cinque membri della tribù. Tuttavia, l’indigeno non vuole avere nulla a che fare con la società principale. Al centro del suo pezzo di foresta ha una capanna fatta con il legno degli alberi e ha la sua piantagione di papaia e mais. Usa un arco e una freccia per cacciare maiali, scimmie e uccelli.

Si pensa che sia sopravvissuto a diverse epurazioni nei confonti degli amazzoni, che sono stato spesso assassinati a cavallo tra gli anni ’70 e ’80. Il governo brasiliano ha una politica rigorosa che rispetta la solitudine di queste tribù, tanto da concedere loro l’utilizzo di armi tradizionali come asce e machete. All’uomo in questione è stata concessa un’area di 8.070 ettari per proteggere il suo stile di vita.