Home Tempi Postmoderni

“Fateci bere dal sarcogafo maledetto”: l’assurda petizione online dopo il ritrovamento di Alessandria

CONDIVIDI

Soltanto tre settimane fa ad Alessandria (ma in Egitto, non in Piemonte) un team di archeologi si è imbattutto in un enorme sarcofago in granito nero, rimasto intatto per 2mila anni. Grande era la curiosità per il contenuto del sarcofago, anche per la forma insolitamente grande dello stesso: c’è chi addirittura era arrivato ad ipotizzare che all’interno dello stesso ci fossero i resti di Alessandro Magno.

Dopo un lavoro non esattamente semplice per scoperchiarlo – il coperchio pesava ben 15 tonnellate ed è servito l’intervento di alcuni ingegneri militari egiziani per aprirlo – ci si è trovati dinnanzi a tre teschi di mummie in stato di decomposizione e un liquido rosso che avrebbe causato la decomposizione delle mummie e che è stato identificato come acqua di fogna.

Nonostante ciò, i geni del web sono immediatamente partiti con le proprie balzane ipotesi e proposte, come quella di Innes McKendrick, un produttore di video games che attraverso le proprie reti sociali ha lanciato una petizione per bere il liquido rosso.

Una petizione a tutti gli effetti, lanciata su change.org con il seguente messaggio: “Abbiamo bisogno di bere il liquido rosso dall’oscuro sarcofago maledetto come fosse una sorta di bevanda energetica gassata, così da poterne assumere i poteri e infine morire”.

Al momento oltre 5000 persone hanno firmato la petizione, rintracciabile qui.

Che dire, tra la trollata e la genialata del secolo, non possiamo che pensare quanto sarebbe delizioso bere questo liquido. Mmmmm.