Home Tempi Postmoderni Tech & Web

L’uomo pronto a tornare sulla Luna? l’ultima clamorosa indiscrezione della Nasa

CONDIVIDI

La Nasa è pronta ad inviare un equipaggio sulla Luna per la prima volta da decenni, parte di una missione di addestramento per testare le abilità degli astronauti in vista di un futuro viaggio su Marte. E’ questa l’indiscrezione riportata dai media americani, su tutti il Daily Star Online, le cui voci si sono fatte più insistenti dopo la decisione del presidente Donald Trump di ‘rifocalizzare’ il programma spaziale di esplorazione umana e scoperta. Per la prima voltla dal 1972 dunque l’uomo potrebbe rimettere piede là dove ancora oggi, immutata nel tempo, giace l’impronta lasciata da Armstrong durante la sua passeggiata sul satellite terrestre. Ma questa volta gli astronauti non si limiteranno a piantare la bandiera a stelle e strisce e lasciare le proprie impronti, ma stabiliranno sulla Luna le basi per un’eventuale e successiva missione su Marte e, forse un giorno, su altri pianeti. La Nasa avrebbe dunque iniziato a preparare due missioni con equipaggio umano per raggiungerla entro il 2022, che rappresenterebbero un primo fondamentale passo per l’agenzia spaziale, che intende lavorare sulla presenza e sulla resistenza dell’uomo fuori dal pianeta utilizzando risorse vitali compresi i robot.

Prima i robot sulla Luna, poi l’uomo

Che potrebbero raggiungere la superficie lunare già nel 2019 prima del ritorno dell’umanità allo scopo di raccogliere nuovi dati compresi quelli relativi alle possibili risorse che potrebbero essere sfruttate come ad esempio i depositi di acqua e ghiaccio; secondo alcuni esperti infatti potrebbero essere sfruttati per la produzione di carburante per i razzi. Uno degli obiettivi, prima di inviare astronauti sulla Luna, è quello di sviluppare una robotica sempre più complessa per avviare un’esercitazione che rappresenterà il primo paso per future missioni di esplorazione, consentendo all’uomo di spingersi sempre più lontano dal pianeta Terra.

Daniele Orlandi