Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Bambina autistica scomparsa durante una gita: la cercano in 300 ma non si trova. La situazione

CONDIVIDI

Cresce ora dopo ora l’ansia e la preoccupazione legate alla scomparsa della bambina di dodici anni affetta da autismo scomparsa nel nulla mentre si trovava in gita in una zona boschiva nella zona di Serle, in provincia di Brescia. La ragazzina si trovava con un gruppo di coetanei, tutti affetti da disabilità e con i suoi educatori quando improvvisamente è riuscita a sfuggire al loro controllo allontanandosi e sparendo dalla loro vista. Immediatamente è stato lanciato l’allarme e sono state avviate le ricerche proseguite ininterrottamente per due giorni e che stanno tenendo impegnate oltre 300 persone tra volontari, protezione civile, guardie forestali, forze dell’ordine. Ma la bambina di origini pachistane si è come volatilizzata, in un territorio caratterizzato, oltre che dalla fitta vegetazione, anche da decine di chilometri di grotte e cavità dentro le quali la giovanissima potrebbe essere finita, nascondendosi impaurita.

La famiglia in ansia, la bambina non si trova

Ogni possibilità è al momento sul piatto ma ogni minuto che passa non fa altro che accrescere la preoccupazione della famiglia e la paura che possa esserle successo qualcosa. Distrutta, la madre non mangia più, chiusa in casa insieme agli altri tre figli e consolata da alcuni amici che l’hanno raggiunta a Serle per starle vicini. Il padre, che ha formalizzato la denuncia per scomparsa ai carabinieri, spera che gli venga data la buona notizia e si dice ottimista, sottolineando che la figlia è forte e che nulla di brutto potrà succederle. Un fascicolo sull’accaduto (Donato Greco conduce l’indagine) è stato aperto dalla Procura di Brescia al fine di accertare eventuali responsabilità tra gli educatori della Fondazione Bresciana Assistenza Psicodisabili ai quali la ragazzina era affidata. Accanto a lei c’era un’operatrice 48enne che in queste ore è distrutta dal dolore e dalla preoccupazione che possa esserle successo quualcosa. Il direttore generale di Fobap Filippo Perrini ha sottolineato che da anni venivano organizzate gite in quella zona e che mai prima d’ora era accaduto nulla di preoccupante.

Daniele Orlandi