Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Andrea Mura, il parlamentare – velista con il 90% d’assenze. Di Maio vuole le dimissioni ma lui non ci sta

CONDIVIDI

«Suo figlio è una brutta persona, non studia niente, non viene mai a scuola e quando viene fa casino, sciopera, contesta, sobilla. Stanca. La scuola a suo figlio non serve. A suo figlio serve il militare nella legione straniera.

Ma non pensi che io sia prevenuto, ho dato quattro compiti in classe è stato assente a tutti e quattro.
Mancavano tre giorni agli scrutini e gli ho detto: “Va bene che la scuola borghese e gentiliana non le piace, ma forse un due prima della maturità non le piacerebbe neanche quello”.

E allora io sono venuto a scuola il pomeriggio, a 56 anni e quasi alla pensione, per far fare un compito a suo figlio che ne ha saltati 4 su 4 in un quadrimestre. Ha preso otto.

Poi mi ha detto: “Prof, in pagella mi dà otto? La media è otto, no?”

Suo figlio, signora, ha la faccia come il culo!»

Cantavano gli Offlaga Disco Pax in ‘Kappler’, canzone tratta dall’album ‘Socialismo Tascabile’. Una canzone dedicata ad un rigido professore alle soglie della pensione in cui gli ODP mettono in mostra la loro classica ironia.

La conclusione di questo breve monologo ai margini di un incontro scuola – famiglia potrebbe ben confarsi all’onorevole del Movimento 5 Stelle Andrea Mura, accusato di non essere ben di rado presente in Parlamento (ha una percentuale di assenza che supera il 90%).

Alle accuse, però, Mura ha replicato con estrema serenità.

Intervistato dalla ‘Nuova Sardegna’, Mura ha dichiarato: “L’attività politica non si svolge solo in Parlamento. Si può svolgere anche su una barca. Io l’ho detto fin dall’inizio, anche in campagna elettorale, che il mio ruolo, più che quello di parlamentare, sarebbe stato quello di testimonial a difesa degli oceani”.

“Capisco l’incredulità, ma io l’ho detto fin dall’inizio al Movimento che non volevo fare il parlamentare ma il testimonial per salvare gli oceani dalla plastica”. “Presente o no, non fa differenza”.

Andrea Mura, che è un velista professionista (ha anche vinto due campionati del mondo e una Louis Vuitton Cup con Il Moro di Venezia), non pare abbia intenzione di smettere, anzi: a novembre 2018 ha già previsto di prendere parte ad una regata in solitario dalla Francia ai Caraibi, sulla c.d. “Rotta del rum”.

“Userò la mia imbarcazione davanti a due milioni e mezzo di spettatori e a 90 milioni di telecamere per trasmettere un messaggio fondamentale: salvate gli oceani dalle microplastiche. Per la prima volta uno sportivo ancora in attività sarà testimonial della Camera dei deputati su un tema che interessa tutti”, ha quindi aggiunto Mura – che non crede di essere un problema per il Movimento che, d’altra parte, “sapeva quale sarebbe stato il mio ruolo e mi appoggia in questa battaglia”.

In realtà il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico – nonché Vicepremier, nonché leader del M5S – Luigi Di Maio, non pare sia poi troppo d’accordo: “Le sue considerazioni, spero false, unite al livello di assenza, dovrebbero indurre il parlamentare M5S Andrea Mura a dimettersi”.

“Doveva già essersi dimesso perché quelle dichiarazioni non solo sono inaccettabili, ma dobbiamo considerare che i parlamentari, incluso io, sono dei privilegiati e fanno un lavoro da privilegiati con uno stipendio da privilegiati e quindi sono i primi che devono stare chiusi dentro alla Camera e al Senato a lavorare sulle leggi e sui provvedimenti per migliorare la qualità della vita degli italiani”.

Eppure, in campagna elettorale, il 28 gennaio scorso, Di Maio si esprimeva in ben altri termini: “Andrea è una delle super competenze che sono a bordo di questa campagna. Io sono orgogliosissimo della sua candidatura. Ci onora con la sua candidatura” (potete leggere questo articolo al riguardo).

Adesso, dall’onore s’è passati all’imbarazzo.