Home Tempi Postmoderni L'Anti Bufala

Con i migranti arrivano le bufale: deputata PP posta su Twitter la foto di un poliziotto dalla testa spaccata. Ma è un fake

CONDIVIDI

Arrivano i migranti ed arrivano le bufale. Lo stanno vivendo in Spagna, dove d’un tratto hanno iniziato a circolare fake news di stampo razzista, come quella diffusa attraverso Twitter da Pilar García, membro del Partido Popular (l’ex partito di Governo spagnolo, partito decisamente conservatore) di Mellilla (cittadina ai confini col Marocco).

La donna ha infatti tweettato la foto di una testa aperta, con il seguente commento: “Guardia Civil a Ceuta. Così si è ridotta la testa di un collega, dopo l’assalto di coloro i quali il Presidente dl Governo chiede si tratti con rispetto è dignità” (il plot, come possiamo vedere, è sempre lo stesso: in qualunque Paese c’è un gruppo di “buonisti” pronti ad essere presi come nemico pubblico).

In realtà la foto riguarda una vicenda avvenuta oltreoceano: l’aggressione ad un poliziotto, sì, ma in Australia, ad opera di un pugile – bianco – armato di katana (qui per leggere la notizia).

Pilar Garcia ha quindi poi rimosso il tweet, scusandosi per l’aver propagato una bufala ma segnalando come i fatti di Ceuta (di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa) sono comunque gravi e potrebbero portare all’emulazione da parte di altri migranti: