Condizioni Franco Battiato: il cantautore catanese ha l’Alzheimer?

Franco Battiato è malato di Alzheimer?

Franco Battiato

Nelle scorse ore il post pubblicato su Facebook da Roberto Ferri sulle condizioni di salute di Franco Battiato ha generato la preoccupazione nei fan del cantautore catanese. In questo post Ferri faceva capire che le condizioni dell’amico non erano delle migliori. La stessa posizione è stata espressa da Ferri nel corso di un’intervista concessa al sito di informazione musicale ‘Allmusicitalia‘ in cui ha dichiarato: “Certamente ho fatto un errore nel volere rendere pubblico un sentimento di amicizia che ognuno ha voluto interpretare a suo modo, ma io rispondo per quel che dico e non per quello che gli altri capiscono. Sì, Franco sta male, come avete potuto vedere voi stessi in televisione e nei concerti, e questo mi fa stare male. Questi versi li mandai già mesi fa alla nipote di Franco, per me rappresentavano un omaggio alla sua famiglia”.

Nell’intervista, però, non fa riferimento a che tipo di malattia si tratti e dunque non c’è modo di sapere se le voci sulla presunta insorgenza dell’Alzheimer siano vere. D’altronde l’illazione deriva da una parte del testo in rima intitolato ‘Ode all’amico che fu e che non mi riconosce più’ che Ferri ha dedicato all’amico e nel quale si legge:

“Ti ho visto rincorrere le parole

e fuggire stranamente dalle note

tutte volavano insieme ma sole

a differenti e specifiche quote

Mentre la tua mente non si sa dove fosse

lungo antichi lidi o prati scoscesi

e di quando bambino davi qualche colpo di tosse

davanti al camino dai ceppi accesi”.

La poesia, però, ha spiegato l’autore non è riferita a questi ultimi giorni, né tanto meno ai sintomi del suo malanno: “Ho solamente voluto esprimere il dolore per un amico che soffre”, spiega infatti l’artista.

Franco Battiato, Alzheimer: la smentita di un amico dell’artista catanese

Sulla natura della malattia, ancora avvolta da mistero e congetture disparate, si sarebbe espresso un amico di Battiato sulle pagine del sito ‘Balarm‘. Vi consigliamo, però, di non prendere come assolutamente certe queste affermazioni, dato che non viene riferito il nome del presunto amico e non vi sono conferme su altri siti di queste parole. Ecco quanto riferito nell’articolo in questione: “Sono stato a trovarlo 25 giorni fa, mi ha riconosciuto perfettamente e abbiamo anche parlato per un po’”. Nella speranza che questa testimonianza sia veritiera ci limiteremo in futuro ad attendere notizie certe dai familiari di Battiato, i quali in queste ore di caos mediatico hanno invitato a diffidare da notizie non provenienti da loro.