Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Truffe splatter a Palermo: mutilavano le vittime per frodare le assicurazioni

CONDIVIDI

Palermo, mutilavano persone per frodare le assicurazioni

Truffe splatter a Palermo: mutilavano le vittime per frodare le assicurazioniLa polizia di Palermo ha scoperto un giro di truffe assicurative che prevedeva la mutilazione di arti. I complici delle frodi assicurative accettavano di procurarsi fratture ad arti o in altre parti del corpo affinché la diagnosi permettesse loro di ottenere grosse cifre di denaro da condividere con gli ideatori della truffa (cifre che a quanto pare non gli venivano poi corrisposte). La truce e folle pratica è andata avanti indisturbata finché uno dei complici non è morto a causa della frattura che si era procurato: il tunisino Hadry Yakoub, trovato senza vita in una strada di periferia a Palermo nel gennaio del 2017.

Gli investigatori hanno pensato inizialmente che il tunisino fosse morto in un incidente stradale e che il pirata della strada fosse scappato senza prestare soccorso. Nel corso delle indagini, però, hanno scoperto che l’immigrato era divenuto vittima della frode assicurativa alla quale aveva deciso di aderire.

Frode assicurativa con arti mutilati: i dettagli emersi dall’indagine

Le indagini hanno permesso di appurare che i soggetti scelti dalle due gang criminali dedite alle truffe assicurative provenivano da contesti sociali difficili, si trattava sempre di emarginati, tossici, immigrati o persone con pesanti problemi economici. In queste ore è stata lanciata una vasta operazione di polizia per disarticolare le due gang, i cui membri sono ritenuti molto pericolosi: alcuni di loro, infatti, erano soliti lanciare dei dischi di ghisa sugli arti delle vittime per causare le fratture, le quali in alcuni casi erano scomposte e li obbligavano a lunghi periodi con le stampelle o sulle sedie a rotelle.

Per limitare le urla delle vittime venivano usate poi degli anestetici forniti alla gang da un’infermiera dell’ospedale Civico di Palermo (reparto Neurologia) già arrestata dalle forze dell’ordine: a casa sua e del marito sono state trovate tre persone con fratture.