Famiglia uccisa dal treno, il ragazzino di 12 anni travolto mentre cercava di salvare la sorellina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:07

Famiglia sterminata dal treno, ecco come è andata la tragedia

Famiglia uccisa dal treno, la madre ed il fratellino di 12 anni travolti mentre cercavano di salvare la bimba
I due fratellini, Giulia e Lorenzo

La dinamica della tragedia di Brancaleone, dove due bambini sono rimasti uccisi dal treno e la madre in coma a causa delle ferite riportate, comincia a chiarirsi. 

Doveva essere una tranquilla giornata al mare quella dell’8 agosto 2018, verso le 15.30 la famiglia composta da Simona Dall’Acqua, insegnante milanese, e i suoi bambini Giulia – 6 anni – e Lorenzo, 12 anni, stavano andando al mare. Hanno attraversato le rotaie del treno, mancava poco alla spiaggia; dietro di loro, a parcheggiare l’auto, il compagno della donna, che quindi non ha assistito la tragedia. 

Il gruppetto aveva attraversato i binari quando la bambina, Giulia (affetta da una forma di autismo) è fuggita lungo i binari. Il fratellino Lorenzo, appena ha visto la sorella in pericolo, è corso a prenderla: la madre ha visto la scena ed anche lei è corsa sui binari cercando di salvare i suoi figli. In quel momento, per una crudeltà del destino, sopraggiungeva il treno da Catanzaro Lido diretto a Reggio Calabria.

Il macchinista ha cercato di fare di tutto  

Il macchinista è sotto choc per la tragedia che ha visto consumarsi di fronte ai suoi occhi. Non ha potuto fare nulla: ha visto la scena, i bambini sulle rotaie e dietro la madre, ma non ha potuto fare altro che suonare disperatamente la sirena e frenare. Ma per quanto abbia cercato di fare il possibile, il convoglio non si può fermare in qualche decina di metri. 

I due bambini sono rimasti uccisi sul colpo, la madre, colpita di striscio, è ancora in coma gravemente ferita. E’ stata così ricostruita la tragedia di un tranquillo pomeriggio di mare, dove due bambini hanno trovato la morte. 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!