Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Barca affonda durante la notte: morti due amici medici, è giallo

CONDIVIDI

C’è un alone di mistero dietro il ritrovamento di due morti su un’imbarcazione affondata nel Mediterraneo. Il ritrovamento è avvenuto in Sardegna, dove la barca con a bordo Pier Tonio Spanu, dentista 70enne e Giovanni Di Maria, urologo 69enne, si sarebbe schiantata contro alcuni scogli affioranti nel cuore
della notte. Questo almeno stando alle testimonianze di alcuni turisti che avrebbero sentito un forte rumore e lanciato per primi l’allarme: il natante è affondato nella provincia di Sassari, in località Rasciada, sede di un villaggio turistico ubicato lungo le coste di Castelsardo alle prime ore dell’alba.

L’arrivo dei soccorsi

L’intervento della Capitaneria di porto proveniente da Porto Torres è stato immediato: si sono recati in loco insieme ai carabinieri della stazione di Castelsardo e ai sommozzatori dei vigili del fuoco di Porto Torres. A circa 150 metri dal punto nel quale l’imbarcazione, un semicabinato da sei metri con un motore da 40 cavalli, era affondata è stato recuperato il corpo di Pier Tonio Spanu mentre il secondo occupante della barca, per la quale non è necessaria la patente nautica, è stato individuato all’interno del natante, la cui prua era quasi completamente affondata quando intorno alle 7 del mattino è stata individuata.

 

Disposta l’autopsia sulle salme dei due medici

In loco è intervenuto il sostituto procuratore Cristina Carunchio che ha disposto il trasferimento delle salme dei due medici, amici e appassionati di pesca, all’istituto di patologie forense di Sassari. E’ infatti prevista l’autopsia per accertare le effettive cause della morte: i due erano usciti per una battuta di pesca e avrebbero fatto rifornimento verso le 19.30 di sera, prima di partire. Da lì in poi non è chiaro cosa sia accaduto, e al momento resta il giallo sull’incidente. Una grossa falla è presente sulla barca, conseguenza dell’impatto contro gli scogli ma resta da capire se l’incidente sia il frutto di una distrazione o di un malore.

Daniele Orlandi