Home Spettacolo Musica

E’ morta Aretha Franklin: la regina indiscussa del soul aveva 76 anni

CONDIVIDI

Aretha Franklin è morta. La sua voce e le sue canzoni sono un pezzo della storia della musica del secolo scorso ed hanno segnato la storia della musica moderna.

La cantante americana Aretha Franklin è morta a 76 anni a causa delle complicazioni di un problema di salute di cui non aveva mai voluto condividere i dettagli (si era parlato di un tumore al pancreas poi smentito dalla stessa cantante), che aveva scoperto da qualche anno. Le sue condizioni erano precipitate nei giorni scorsi quando è stata ricoverata d’urgenza in ospedale (il 13 agosto) e questa mattina la regina del soul si è spenta nella sua Detroit.

Morte Aretha Franklin: la carriera e l’impatto nella storia della musica

Nata a Memphis nel 1942 da una famiglia molto religiosa, il padre era un predicatore protestante, Aretha ha sviluppato la passione per la musica sin da giovanissima. Il talento era un’eredità della madre Barbara (cantante gospel), la quale però l’ha lasciata alle cure del padre andandosene di casa quando aveva appena 6 anni. Dopo la separazione dalla madre, il pastore decise di trasferirsi a Detroit ed è proprio in questa città, dentro la cappella che Aretha ha cominciato ad esibirsi interpretando il repertorio Gospel.

Nel 1956 il padre la portò con se in un viaggio di predicazione e la quattordicenne impressionò tutti con la sua meravigliosa voce, tanto da interessare diversi produttori musicali che però si scontrarono con il veto del padre. L’appuntamento con le major era solo ritardato, a fine anni ’50 la cantante firmò per la Columbia, ma il repertorio pop imposto la soffocava e nel 1967, grazie alla collaborazione con Jerry Wexler e Arif Mardin, riuscì a portare a termine il suo primo progetto R&B che le permise di fare emergere la sua anima soul e di raggiungere il successo commerciale.

Il successo commerciale subì una flessione negli anni ’70, ma nel 1980 la cantante tornò alla ribalta grazie alla partecipazione nel film cult ‘The Blues Brothers‘ in cui cantava la meravigliosa ‘Think‘. Negli anni ’90 e 2000 la cantante era ormai un’icona indiscussa del panorama musicale, acclamata da artisti di fama internazionale e appartenenti a generi diversi (Freddy Mercuri, Luciano Pavarotti per citarne alcuni), il suo modo di cantare aveva lasciato un segno indelebile che ha influenzato tutte le produzioni musicali successive.