Home Tempi Postmoderni L'Anti Bufala

Nuovo codice strada da martedì e ritiro patente per cellulare alla guida? La catena riprende a circolare su WhatsApp

CONDIVIDI

A volte ritornano: complice il progetto di riforma di legge paventato dal Ministro delle Infrastrutture Toninelli (che, in un’intervista al Mattino, s’è così espresso: “stiamo ragionando su un inasprimento delle sanzioni. Ma prima ancora di una scelta sulle norme, servono più controlli e una doverosa opera di sensibilizzazione culturale”), ha (ri)preso a circolare un messaggio su WhatsApp che mette in allerta sul rischio di sospensione immediata della patente per chi usa il cellulare alla guida.

Da martedì ritiro immediato della patente a chi guida con il cellulare: il testo della catena

E’ questo il messaggio che sta circolando nelle ultime ore tramite WhatsApp:

Facciamo attenzione.
A partire da Martedì prossimo entrerà in vigore il nuovo codice della strada. Oggi è stato approvato l’articolo più pesante, ed è giusto così:
*chiunque verrà sorpreso alla guida del veicolo, anche se è fermo  ai semafori o agli stop, con il cellulare  o altri apparecchi*
la sanzione è la seguente: *ritiro immmediato della patente* e una *multa da 180 €uro fino a 680 €uro.*Quindi stiamo tutti molto attenti, organizziamoci con i viva voce e *se indossiamo gli auricolari ricordiamoci che un orecchio deve restare libero*
Fai girare a manetta!

Si tratta di una catena di Sant’Antonio iniziata a circolare già un anno or sono e che ha ripreso a girare adesso e che, adesso come un anno or sono, non ha alcun fondamento.

L’unico fondo di verità è quello legato al mancato distinguo tra chi usa il cellulare alla guida e chi lo usao mentre si trova fermo al semaforo: questo distinguo già non esiste, in effetti.

Guida con il cellulare: cosa prevede la legge?

Attualmente è vietato guidare e, contemporaneamente, usare lo smartphone. E’ vietato infatti anche solamente sorreggere il telefono per usarlo tramite viva voce o usarlo per cercare un numero o effettuare una chiamata d’emergenza: in questo ultimo caso il guidatore dovrà comunque accostare per effettuare la chiamata. E’ vietato frattanto l’uso delle cuffiette se esse occupano entrambe le orecchie (perché il guidatore deve essere nelle condizioni di sentire I rumori circostanti).

Chi oggi viene trovato intento ad usare il cellulare alla guida subisce una multa da 160 a 646 euro (112 se si paga entro 5 giorni) e la decurtazione di 5 punti dalla patente. Nel caso di recidiva nel corso di un biennio è prevista la sospensione della patente, da uno a tre mesii.

Nella riforma paventata da Toninelli dovrebbe essere prevista la sospensione della patente da 1 a 3 mesi immediata, senza recidiva. Inoltre, in caso di incidente stradale, il cellulare verrà sequestrato dalle forze dell’ordine in modo da comprendere se sia stato davvero l’uso del telefonino la causa del sinistro.