Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Papa Francesco autore di un presunto miracolo? Ecco cosa c’è di vero

CONDIVIDI

Tre anni fa Papa Francesco avrebbe compiuto un miracolo. La beneficiaria sarebbe Gianna Masciantonio, una bambina americana affetta da un cancro terminale: dal momento dell’incontro con il Papa la bimba è inspiegabilmente guarita. La famigli della piccola, adesso, grida al miracolo.

Philadelphia, il “miracolo” di Papa Francesco durante una sua visita negli States

Il presunto miracolo che si dice abbia compiuto Papa Francesco risalirebbe al settembre del 2015. In quell’occasione, il Papa- che si trovava in visita a Philadelphia (Stati Uniti d’America)- ha baciato sulla fronte la piccola Gianna Masciantonio. La bimba aveva un tragico vissuto ed era destinata a morte certa in quanto affetta da un cancro inoperabile al cervello scoperto già pochi giorni dopo la sua nascita.

Dopo dei pesanti cicli di chemioterapia realizzati al Children’s Hospital di Philadelphia, Gianna è stata rimandata a casa ed i medici hanno dato a suoi genitori speranze pari a zero sulla sua sopravvivenza. Ed ecco accadere l’inaspettato: la piccola viene portata dai genitori alla parata di Papa Francesco, che la bacia sulla fronte. Da quel momento in avanti le condizioni di Gianna hanno iniziato a migliorare, da una regressione parziale del tumore alla sua scomparsa totale.

Philadelphia, la famiglia di Gianna grida al miracolo ma i medici non ci stanno

La famiglia di Gianna Masciantonio non ha dubbi: è stato certamente il miracolo di Papa Francesco a far guarire la bambina. “Nostra figlia è un miracolo. E per questo ringraziamo papa Francesco. Quel bacio è la dimostrazione che Dio ha ascoltato le nostre preghiere”, hanno detto Kristen e Joey Masciantonio, ai quali- dopo la terribile diagnosi dei medici- non era rimasta altra possibilità che pregare.

Soltanto due mesi dopo l’incontro col Papa Gianna era già guarita. I medici, ovviamente, non ci stanno e hanno più volte invitato i congiunti di Gianna a non parlare di miracolo e a dare alla scienza i giusti meriti di quanto accaduto.

Maria Mento