Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Grande paura per Guido Meda: incidente in mare, lo yatch affonda

CONDIVIDI

Grande paura per il giornalista sportivo Guido Meda, lo yacht su cui viaggiava infatti è affondato e lui ha rischiato di annegare

Grande paura per Guido Meda: incidente in mare, lo yatch affonda
Guido Meda

Un incidente in mare poteva costare caro a Guido Meda, voce storica del moto mondiale nonché vice direttore di Sky Sport con delega alla sezione motori. Il giornalista ieri si trovava a largo dell’Isola del Giglio, splendida località marina a largo della Toscana, a bordo di uno yacht con altre 8 persone (tra cui 5 bambini). Ad un tratto sul tratto di mare si è abbattuta una violenta bufera (il vento soffiava ad oltre 30 nodi) e le onde si sono alzate a dismisura. Lo yacht ha cominciato ad imbarcare acqua e ad affondare e i passeggeri si sono gettati in mare per evitare di trovarsi ancora a bordo quando l’imbarcazione avrebbe colpito gli scogli. Per fortuna da riva qualcuno si è accorto di quanto stava accadendo ed ha chiamato i soccorsi permettendo a tutti i naufraghi di essere salvati.

Guido Meda, incidente in mare: “Voglio incontrare gli angeli che ci hanno salvato”

A mente lucida, dopo che la sensazione di paura era svanita, Guido Meda ha spiegato al ‘Corriere della Sera‘ cosa è successo lunedì pomeriggio, smentendo di fatto le prime notizie che indicavano l’urto con gli scogli come causa dell’affondamento della barca: “C’era burrasca ma non siamo andati a sbattere sugli scogli come è stato riportato: quando la barca è andata contro gli scogli noi eravamo già tutti sul gommone di salvataggio. Il capitano ha fatto tutto il possibile”. Poche ore prima, in un messaggio condiviso sul proprio profilo Facebook, il conduttore Sky aveva ringraziato i soccorritori esprimendo il desiderio di poterlo fare di persona prima o poi: “Vorrei conoscere le quattro persone mandate da un angelo custode che da riva ci hanno visto affondare tra le onde e hanno chiamato i soccorsi. Se non fosse stato per loro…”.