Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Nave Diciotti, la richiesta della Procura di Catania: “Fate sbarcare i minorenni”

CONDIVIDI

La Procura di Catania ha chiesto ai ministri di far sbarcare nel capoluogo siciliano almeno i minorenni privi di accompagnatori

Continua il braccio di ferro tra il ministro dell’Interno Salvini e l’Unione Europea sul destino dei 177 migranti arrivati con la nave Diciotti al porto di Catania lunedì sera alle 23:30. I profughi sono stati salvati dalla Guardia Costiera a largo di Lampedusa ed al momento rimangono sulla nave in attesa che venga definita la distribuzione dei neo arrivati tra i vari Paesi membri dell’UE.

Per il momento, infatti, il ministro dell’Interno ha ribadito la sua intenzione di non permettere lo sbarco finché non verrà stabilita la redistribuzione, da Bruxelles intanto fanno sapere che si sta lavorando per permettere che la situazione si sblocchi il prima possibile: “Continuiamo a lavorare, in modo tale che le persone a bordo possano essere sbarcate il prima possibile. Per la Commissione europea questa è prima di tutto un imperativo umanitario”. Questa mattina, intanto, la Procura dei minori di Catania ha mandato una lettera ai ministri dell’Interno e delle Infrastrutture, al Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione e al Prefetto affinché venga permesso almeno ai minori privi di accompagnatori (29 quelli presenti sulla barca) di poter sbarcare.

Roberto Fico contro Salvini: “Deve essere permesso lo sbarco” 

La maggioranza di fede pentastellata comincia a non condividere l’ostinazione del ministro dell’Interno nel bloccare lo sbarco. Il presidente della Camera Roberto Fico, ad esempio, ha scritto su Twitter il suo disappunto per la condotta del governo nel caso della Diciotti: “La giusta contrattazione con i Paesi dell’Unione europea può continuare senza alcun problema, adesso però le 177 persone – tra cui alcuni minori non accompagnati – devono poter sbarcare”, fa notare Fico che in seguito aggiunge: “Non possono essere più trattenute a bordo, poi si procederà alla loro ricollocazione nella UE”.