Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Orrore in ospedale: 35nne violenta ripetutamente una clochard

CONDIVIDI

Ha abusato ripetutamente di una clochard all’interno di un ospedale e, non contento, avrebbe stuprato anche la madre della senzatetto. E’ accaduto all’ospedale regionale di Torrette, nonocomio nel quale diversi clochard della zona di Ancona trovano rifugio ma nel quale una 41enne italiana si è trovata costretta ad avere rapporti con un uomo, un 35enne romeno, che l’ha violentata in bagno.

La ricostruzione dei fatti

Da tempo la procura di Ancona stava indagando in merito ad un caso di presunte violenze sessuali avvenute nel bagno dell’ospedale: indagini che hanno portato all’identificazione dell’uomo, senza fissa dimora, finito in manette con l’accusa di stupro ma anche di rapina. E’ infatti emerso che il 35enne avrebbe sottratto con forza il denaro raccolto chiedendo l’elemosina, dalla 41enne e dalla madre di lei davanti all’ospedale. E’ stata la donna vittima delle violenze sessuali a denunciare quanto accaduto ai carabinieri sporgendo denuncia e raccontanddo agli agenti una serie di preziosi dettagli: è così scattato il blitz che ha portato all’arresto dell’uomo, all’interno della struttura ospedaliera, per condurlo in carcere a Montacuto. In seguito gli investigatori hanno accertato che il rumeno avrebbe commesso una rapina, rubando le elemosine, oltre che abusi nei confronti della madre della clochard.

La difesa del clochard

Si è dichiarato innocente il 35enne accusato di stupro spiegando che si tratta di calunnie nei suoi confronti: “Mi hanno denunciato perché vogliono rovinarmi perché ambiscono al mio posto di raccolta delle elemosine e sono gelose del fatto che tutti lì mi vogliono bene perché non do fastidio a nessuno e sono gentile”. Lo ha sottolineato nel corso dell’interrogatorio di fronte al Gip Sergio Carasella.

Daniele Orlandi