Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Migranti, scontro totale tra l’Italia e l’UE. Conte: “Ne trarremo le conseguenze”

CONDIVIDI

migranti
Italia-UE, è braccio di ferro

Il braccio di ferro tra l’Italia e l’Unione Europea prosegue. La politica ferrea portata avanti dal governo Conte nei confronti dei migranti non sta piacendo affatto all’UE; al tempo stesso, la maggioranza composta da Movimento 5 Stelle e Lega attacca gli altri Paesi europei per non aver rispettato i patti, dato che nell’ultimo incontro era stata garantita a Conte la redistribuzione dei migranti.

Lo scontro è arrivato al livello massimo con il caso che riguarda la nave Diciotti, ovvero l’imbarcazione italiana con a bordo 177 migranti a cui è stato vietato lo sbarco al porto di Catania dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha commentato duramente la fumata nera sulla redistribuzione dei migranti: “L’Italia è costretta a prendere atto che l’Europa oggi ha perso una buona occasione – ha scritto Conte su Facebook – in materia di immigrazione non è riuscita a battere un colpo in direzione dei principi di solidarietà e di responsabilità che pure vengono costantemente declamati quali valori fondamentali dell’ordinamento europeo”, aggiungendo poi che l’Italia “ne trarrà le conseguenze”.

UE a Di Maio: “No alle minacce”

Di Maio nella giornata di ieri aveva anche avanzato l’ipotesi che il governo italiano non avrebbe più pagato la sua quota all’Unione Europea.

Non si è fatta attendere la risposta del commissario europeo al Bilancio, Gunther Oettinger: “Se l’Italia si rifiutasse di pagare i suoi contributi all’EUbudget, sarebbe la prima volta nella storia della Ue. Questo comporterebbe interessi per ritardi nei pagamenti. E una violazione delle obbligazioni dei trattati che condurrebbe a possibili ulteriori pesanti sanzioni”.