Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Muore John McCain, candidato alle presidenziali del 2008. L’ultimo desiderio: non avere Trump al funerale

0
CONDIVIDI

E’ morto ad 81 anni John McCain, politico americano (repubblicano) di lungo corso.

Candidato alle presidenziali nel 2008 per provare a mantenere i repubblicani alla presidenza degli Stati Uniti dopo l’epopea Bush jr (e dopo aver sconfitto nelle primarie rivali del calibro di Rudolph Giuliani e Mitt Romney), McCain fu poi sconfitto da Barack Obama.

E’ stato senatore per lo stato dell’Arizona dal 1987 al 2018 (quest’anno, quando è dovuto arrendersi ad una grave malattia: un glioblastoma, tumore al cervello incurabile. Già giovedì scorso la moglie aveva commentato: “Con la sua consueta forza di volontà ha deciso di smettere le cure”).

E’ stato frattanto veterano del Vietnam (sopravvisse a sei lunghi anni di prigionia) e proprio l’esperienza di guerra è stato uno dei motivi del contendere con Trump: nel 2016, Trump dichiarò che McCain non era davvero un eroe di guerra perché era stato catturato. La classica sparata del presidente repubblicano che ha McCain non è mai andata giù, tant’è che sua esplicita volontà è stata quella di chiedere che il vicepresidente Mike Pence rappresenti la Casa Bianca al suo funerale.

Un segno di una moderazione giunta con l’età: nelle sue ultime memorie, infatti, McCain ha espresso il proprio rammarico per non aver scelto l’ex senatore Joseph Lieberman come suo vicepresidente nel 2008 contro Barack Obama (scegliendo viceversa la populista Sarah Palin).