Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Spacciatore arrestato e subito liberato: “Vendere droga è la sua unica fonte di sostentamento”

CONDIVIDI

Spacciatore liberato dal Tribunale del Riesame 

Spacciatore arrestato e subito liberato: “Vendere droga è la sua unica fonte di sostentamento”
Foto d’archivio

I giudici del Tribunale del riesame di Milano hanno fatto cadere le accuse a carico di Buba C., spacciatore gambiano recidivo di 31 anni che si trovava in cella a San Vittore, e hanno optato per la scarcerazione: l’uomo non può essere sottoposto alla misura cautelare per “assenza di gravi indizi”. 

Buba C., respinto dalla svizzera come clandestino, ha precedenti penali di spaccio, due denunce per falsa attestazione sull’identità personale e per ricettazione, ed è stato messo in cella il 27 giugno dopo il processo per direttissima come pusher recidivo, operante nelle zone calde dello spaccio milanese. 

Per la seconda volta in quattro giorni il 31enne era stato sorpreso a vendere ecstasy in via dei Transiti a Milano dalla squadra dei commissariati di polizia locali. 

“Spaccio, unica fonte di sostentamento” 

Viene però scarcerato perché le 5 pastiglie di ecstasy che stava venendo erano “un dato molto contenuto” secondo i magistrati. Si tratterebbe quindi di un “reato di lieve entità” che non giustifica la permanenza in carcere. 

Non solo: il tribunale delle Libertà ha anche trovato una sorta di “attenuante” alla condizione del gambiano spacciatore. Infatti i giudici del tribunale che decide sul mantenimento, revoca o modifica delle misure cautelari personali perché “non avendo (…) alcun provento derivante da attività lavorativa, lo spaccio appare l’unico modo per mantenersi”. Insomma, spacciare è l’unico modo per l’uomo di vivere. 

Alla luce dei reati già commessi è stato “applicato il divieto di dimora nei territori del Comune di Milano, onde ad allontanare il ricorrente dal contesto territoriale in cui ha operato” per Buba C. Nel frattempo in via dei Transiti quello dello spaccio rimane un problema concreto e reale.
Le squadre investigative che hanno fermato Buba, intanto, sono alle prese da diversi mesi con una squadra di spacciatori in via dei Transiti. Sono tutti richiedenti asilo: 10 gabbiani, un sudanese ed un maliano, tutti fra i 20 ed i 25 anni, sono stati arrestati quest’estate.