Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Spose troppo scollate in chiesa? Facciamo pagare loro una tassa. La provocazione del don veneziano 

CONDIVIDI

Una tassa per le spose “troppo scollate”

Spose troppo scollate? Dovranno pagare una tassa. La provocazione del don veneziano 
Foto d’archivio

Una tassa per le spose troppo scollate. La proposta di un parroco di Mira, al sapore di provocazione, sta facendo scalpore online grazie ai social. Don Cristiano Bobbo, parroco di Mira, paesino in provincia di Venezia, ha proposto di tassare le spose che si sposano in chiesa con abiti troppo succinti e volgare. 

Il don ha scritto ai suoi parrocchiani una riflessione sull’abito “che molto spesso si presenta sguaiato e volgare, inadatto alla circostanza” e poi lancia una vera e propria provocazione: ”chi più si presenta svestita più paga”.

Una proposta di istituire “una sorta di offerta da riscuotere in proporzione alla decenza dell’abito della sposa che molto spesso si presenta sguaiato e volgare, inadatto alla circostanza. Così, chi più si presenta svestita, più paga”. 

Si è trattato di una provocazione

Il don stesso ha precisato che si tratta di una provocazione, ma neppure più di tanto. Del resto se si sceglie di sposarsi in chiesa è necessario rispettare il luogo dove si celebra il matrimonio e vestirsi decentemente. “È stata solo una provocazione scherzosa che, come molte altre riflessioni, nasce da fatti che accadono spesso nella vita di parrocchia. In questo caso è stata suscitata dalla considerazione che le nozze spesso sono considerate più un evento che una scelta maturata e condivisa. Certi dettagli non vanno sottovalutati” dice il don al Gazzettino.