Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Diciotti, la notizia choc: “50 immigrati non si trovano più, dileguati nel nulla”. CEI: “Non possiamo trattenerli”

CONDIVIDI

50 immigrati della Diciotti dileguati nel nulla 

Diciotti, la notizia choc: “50 immigrati non si trovano più”. Dileguati nel nulla, erano affidati alla CEI
Immigrati e Papa Francesco

50 immigrati della Diciotti sono svaniti nel nulla, non si trovano più.
La notizia choc arriva a qualche giorno di distanza sulla diatriba che ha coinvolto l’Italia – far sbarcare o meno gli immigrati della Diciotti – ed addirittura dopo il fascicolo aperto dalla Procura nei confronti di Matteo Salvini per “sequestro di minori”.

170 gli immigrati che sono sbarcati al porto di Catania dalla Diciotti, 50 sono fuggiti, dileguandosi nel nulla: si tratta di persone ospitate a Rocca di Papa, affidati alla CEI, e a Messina. Solo qualche ora prima Papa Francesco aveva mandato dei gelati agli immigrati a Rocca di Papa. Qualche ora più tardi, sono scomparsi nel nulla. 

Di queste persone nessuno vuole rimanere in Italia, si sa. E davanti ad una situazione di affidamento o prima o dopo avrebbero potuto scegliere di allontanarsi volontariamente” direttore della Caritas Italiana, don Francesco Soddu. 

A difendere gli stranieri fuggiti anche padre Camillo Ripamonti presidente del Centro Astalli, la struttura dei Gesuiti, che si occupa di migranti, profughi, rifugiati e richiedenti asilo: “I centri di accoglienza non sono centri di detenzione e dunque le persone ospitate possono allontanarsene liberamente: la loro non è una fuga”.
“I motivi per andarsene possono essere i più svariati, cambiano da caso a caso. Dipende anche da che tipo di centro li sta ospitando, dove è geograficamente collocato, se sta in aperta campagna o in una grande città, qual è la nazionalità dei profughi ospitati, se l’Italia è la meta finale o soltanto un Paese di sbarco e di transito. Difficile ora capire perché questi rifugiati si siano allontanati” dice Ripamonti.

Certo, si tratta di persone non identificate, non si sa neppure se hanno o meno diritto di asilo, ed adesso sono sparite chissà dove, potrebbero essere già fuori dall’Italia. Dal punto di vista della sicurezza non ci siamo.
Ma secondo Soddu questi soggetti ora dileguati nel nulla “potranno chiedere asilo in Italia o all’estero ricominciando quella procedura che era stata avviata nelle nostre strutture, a partire dal centro di accoglienza straordinaria”. 

Salvini: “Ma come, non li avevo sequestrati?” 

Erano così disperate che hanno preferito rinunciare a vitto e alloggio garantiti. È l’ennesima prova che chi sbarca in Italia non sempre scappa dalla fame e dalla guerra, nonostante le bugie della sinistra e di chi usa gli immigrati per fare business” dicono i sottosegretari all’Interno Stefano Candiani e Nicola Molteni. 

Ironia da parte di Salvini: “Erano così bisognosi di avere protezione, vitto e alloggio, che hanno deciso di allontanarsi e sparire! Ma come, non li avevo sequestrati?”.
E si riaccende la polemica su sicurezza e circolazione delle persone. 

Il Viminale: “Sono tutti maggiorenni” 

Le fonti del Viminale dicono che erano “tutti maggiorenni: 6 di loro hanno fatto perdere le tracce il primo giorno di trasferimento, venerdì; 2 eritrei destinati alla diocesi di Firenze si sono dileguati il 2 settembre; per altri 19 è stato verificato l’allontanamento il 3 settembre; altri 13 infine si sono dileguati ieri. Erano destinati a varie diocesi”. 

Inoltre “4 si sono allontanate quando erano ancora a Messina. Sono in corso altre verifiche. Le persone che si sono allontanate si erano limitate a manifestare l’interesse per formalizzare la domanda d’asilo. Tutte erano state identificate con rilievi fotodattiloscopici e inserite in un sistema digitale europeo. Controlli anche sulla nazionalità di chi si è allontanato: almeno in 6 provengono dalle Isole Comore”. Si specifica che “identificate con rilievi fotodattiloscopici e inserite in un sistema digitale europeo” non significa identificate: semplicemente sono state prese le impronte digitali e le foto, ma l’identità rimane sconosciuta. 

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews