Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

24enne senza fissa dimora importuna i passanti, le forze dell’ordine lo fermano col taser (ed è il terzo uso in una settimana)

CONDIVIDI

A una settimana dall’inizio della sperimentazione in 12 città italiane (Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia, Brindisi e Genova), la pistola taser è stata utilizzata per la prima volta a Firenze, dopo i precedenti di Milano (due precedenti: un 31enne arrestato grazie all’uso dell’arma ed un extracomuntiario ammanettato sempre grazie al taser).

Nel capoluogo toscano (alla Fortezza da Basso, per la precisione) nella notte di martedì un 24enne turco senza fissa dimora – completamente nudo – è stato immobilizzato dai carabinieri utilizzando l’uso della pistola elettrica: il giovane dapprima ha molestato i passanti, prima di scagliarsi con violenza su altri due senzatetto.

I passanti hanno chiamato le forze dell’ordine che si sono recate sul posto e per placare l’uomo che s’era scagliato anche contro di loro hanno utilizzato il taser.

Il 24enne è stato quindi trasportato all’ospedale di Santa Maria Nuova, dove è stato ricoverato nel reparto di psichiatria, dal quale era già stato dimesso lo scorso 3 settembre. Per il turco denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

Dal canto suo, il Ministro dell’Interno Matteo Salvini s’è così felicitato, con un cinguettio su Twitter:

AGGIORNAMENTO: A Reggio Emilia un pluripregiudicato di 34 anni di origine Sinti è stato colpito dalla scarica elettrica del Taser la notte dell’11 settembre, mentre si trovava all’interno degli uffici della questura di Reggio. L’uomo era stato arrestato in stato di ebbrezza dopo essere fuggito da un incidente stradale.

Questo il racconto delle forze dell’ordine su quanto avvenuto: “al fine di evitare che lo stesso si armasse di oggetti presenti nei locali, gli operatori si vedevano costretti ad estrerre nuovamente il Taser al fine di farlo desistere”. L’uomo però “si scagliava contro gli operatori entrando in contatto con l’arma mentre l’arco voltaico di avvertimento era in funzione”.