Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Insultarono migranti a mezzo social, condannati a vivere (per sei mesi) senza Facebook

CONDIVIDI

Condannati a non usare Facebook per sei mesi dopo insulti migranti

Quattro italiani sono stati condannati a non poter usare Facebook per sei mesi e a leggere libri. La sentenza in seguito a insulti e minacce scritte rivolte ai migranti

Il Tribunale di Venezia ha riconosciuto quattro imputati, di sesso maschile e di nazionalità italiana, colpevoli di discriminazione razziale e della violazione della legge Mancino. Per questo sono stati condannati a non poter utilizzare Facebook per sei mesi ed alla lettura di libri o alla visione di film che abbiano come tematica proprio l’immigrazione.

Condannati a non usare Facebook, quattro italiani hanno violato la legge Mancino

Quattro italiani di età compresa tra i 34 ed i 56 anni dovranno comparire dinanzi al giudice il prossimo 14 maggio del 2019. I quattro, originari di Portogruaro (Veneto), hanno minacciato a mezzo social i richiedenti asilo e per questo sono stati riconosciuti colpevoli di aver violato quanto stabilito dalla legge Mancino e di discriminazione razziale.

Nell’attesa di fare la loro comparsa in aula, gli imputati non potranno usare Facebook per 6 mesi e dovranno costantemente leggere libri o (in sostituzione) guardare film che abbiano come fulcro della trama le vicende dell’immigrazione. Naturalmente, saranno tenuti a relazionare su quanto visto o letto: sarà compito dell’Ufficio delle Esecuzioni Penali del Tribunale di Venezia verificare che la pena comminata venga applicata.

Per i quattro veneti è stata stabilita anche una somma in denaro, pari a 200 euro, da versare a titolo di risarcimento e lo svolgimento di lavori di pubblica utilità per 4 ore alla settimana. Qualora non si abbiano riscontri su quanto disposto, i giudici si riserveranno la decisione di poter portare avanti la loro vicenda giudiziaria anziché chiuderla.

Sotto i riflettori sono finiti i violentissimi commenti scritti contro i migranti dai quattro imputati sulla pagina Facebook di “Sei di Portogruaro se…”, e la vicenda è stata ripresa anche da Ilaria Purassanta per La Nuova Venezia. Vi proponiamo di seguito due dei commenti grazie ai quali è scattata l’azione legale:

Bisogna aiutarli, ne ospitiamo uno in ogni casa e li laviamo con la benzina e poi li asciughiamo col lanciafiamme e tutto è risolto

Gente sporca, devono morire, se trovo uno di loro gli verso dell’acido di batterie così capiscono che non li vogliamo”, per finire con: “Diamo fuoco al palazzo con loro dentro“.

(Foto di repertorio)

Maria Mento

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google
News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news:
http://bit.ly/NewNotizieNews