Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

I resti del dittatore Franco verranno riesumati dalla Valle dei Caduti, la storica decisione

0
CONDIVIDI

A quasi 43 anni dalla sua morte, i resti del dittatore Franco potrebbero essere riesumati. In seguito ad un decreto legge presentato ed approvato dal Parlamento spagnolo, allo scopo di rimuovere per sempre i resti del defunto dittatore, sepolto nel mausoleo della valle dei Caduti fatto costruire da lui stesso a poca distanza dalla città di Madrid, da un luogo dedicato ai morti della Guerra Civile. All’interno del mausoleo infatti sono presenti i resti di 32mila caduti di entrambe gli schieramenti della storica guerra civile spagnola ma anche quelli di Franco, mortto il 20 novembre 1975.

La modifica dell’Historical Memory Act

L’Historical Memory Act del 2007 potrebbe dunque, come riportato da El Pais, essere definitivamente modificato in seguito all’approvazione del decreto, andando di fatto a facilitare la riesumazione ma anche proteggerla dalla ferma opposizione della famiglia del dittatore al trasferimento, pronti anche ad avviare azioni legali contro il governo. Il provvedimenti è stato presentato alla fine di agosto da Pedro Sanchez e, dopo aver ottenuto 172 si, 164 astenuti tra i popolari ed i centristi di Ciudadanos e 2 no, è stato celebrato dall’esecituvo socialista con il seguente tweet: “Giustizia, memoria, dignità, oggi la Spagna fa un passo storico verso la riparazione dei diritti delle vittime del franchismo, oggi la nostra democrazia è migliore”.

Dove verrà spostata la salma?

Non è chiaro, al momento, dove, una volta riesumata, verrà spostata la salma del dittatore. Nel frattempo accuse contro il governo sono arrivate da Pp e Ciudadanos, secondo i quali il provvedimento cercherebbe di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica, tanto che il deputato del Citizen José Manuel Villegas ha dichiarato: “la cortina di fumo intorno al corpo di Franco non è sufficiente a coprire la sua debolezza, l’incapacità e l’incompetenza”. Da sottolineare che la legge modificata dal decreto prevede anche che, a meno che non sia morto durante la Guerra Civile, nessuno potrà essere seppellito nella Valle dei Caduti.