Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

“Se mi avessero ascoltato, Bossetti non sarebbe in galera”: le verità in un libro

CONDIVIDI

bossetti
Massimo Bossetti, tutti i dubbi in un libro

Un libro che rivede per intero il processo che ha portato alla condanna all’ergastolo per Massimo Bossetti, accusato di aver ucciso la giovanissima Yara Gambirasio.
L’autore è Carlo Infanti, che afferma come la molla che l’abbia spinto a scrivere questo testo sia stata “un senso di inquietudine nel sapere di aver lavorato tanto sulle carte e di aver travato molti elementi che se presentati in aula durante i processi, forse Massimo Bossetti non sarebbe nelle patrie galere”.
Il titolo del libro è “In nome del popolo italiano”. Carlo Infanti ha scelto di chiamare così il suo lavoro perchè è un tentativo di ridare una dignità ai processi e alle sentenze.

Per i legali contaminata una traccia genetica

“Vorrei che il mio libro diventasse lo strumento per arrivare ad una verità che se non può essere processuale, possa almeno essere morale – afferma Infanti – per questa ragione vi invito a non fermarvi alle parole, cercate le verifiche, leggete il libro e poi chiedete agli addetti ai lavori di dimostrare anche loro, come ho fatto io con documenti veri, che Infanti sbaglia”.
Nel frattempo, anche i legali di Bossetti hanno fatto presente parecchi dubbi sull’operato degli inquirenti nel corso del primo sopralluogo sul cadavere di Yara, a Chignolo. Gli avvocati sostengono infatti che la traccia genetica repertata sugli slip della ragazzina potrebbe essere stata contaminata.
NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google
News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: