Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Bitz al campo rom, arrestati padre e nonno del baby rapper de ‘Le Iene’. Salvini esulta

CONDIVIDI

Solo domenica era andato in onda un servizio dedicato da ‘Le Iene’ al giovanissimo rapper 500Tony, autore di diversi pezzi rap capaci di catalizzare centinaia di migliaia di view (anche per featuring di tutto rispetto, con mc del calibro di Jamil e Vacca. Di seguito uno dei video): un servizio in cui era emerso il lato infantile (quasi tenero) di 500Tony che – a fronte dell’immagine gangsta adottata per i propri video – è pur sempre un bambino di 9 anni (che si emoziona coi minions e che non ha intenzione di avere una fidanzata. Anche perché a 9 anni cosa ti importa di una fidanzata?).

A distanza di tre giorni – ieri, in seguito ad un blitz dei carabinieri presso il campo rom di via Bonfadini, a Milano – il padre e il nonno del baby rapper sono stati arrestati: l’operazione, scattata alle 7 del mattino e continuata fino a sera, ha portato all’esecuzione di 21 ordinanze di custodia cautelare, fermi e perquisizioni. Le indagini erano iniziate nel 2016, dopo il sequestro di una fonderia clandestina in via Giacosa dove i gioielli rubati venivano fusi per poi essere rivenduti.

Tra le 21 persone coinvolte, spicca il nome di Angelo Guarnieri – detto ‘zio’ – uno dei capi storici del campo rom nonché nonno 67enne del giovanissimo rapper. L’uomo – rom originario di Chieti – gestiva la ricettazione di preziosi e i militari dell’Arma gli hanno sequestrato gioielli per oltre un milione di euro.

Quella della ricettazione di preziosi era una delle tre attività criminali su cui si basava l’economia del campo rom, assieme al traffico di cocaina e alla rivendita di pezzi di auto rubate.

Dal canto suo, Salvini ha così celebrato l’arresto:

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News.
Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news:http://bit.ly/NewNotizieNews