Home Notizie di Calcio e Calciatori

Report, inchiesta Juventus: “Potrebbe scatenarsi un terremoto. Sono stato minacciato”

CONDIVIDI
(Screenshot Video) Fonte: Report

Il prossimo 22 ottobre verrà mandata in onda su ‘Report’ l’inchiesta sulla Juventus legata alla morte di Bucci. Intervistato da ‘Calciomercato.it’, l’autore dell’indagine giornalistica ha spiegato che si potrebbe scatenare un terremoto etico.

Mancano meno di tre settimane alla messa in onda della puntata di report dedicata al caso Bucci, collaboratore della Juventus deceduto in circostanze misteriose il 7 luglio del 2016. Il giornalista di ‘Report‘ Federico Ruffo ha reputato troppo frettolosa l’archiviazione del caso da parte della procura di Cuneo poiché analizzando i dettagli del caso non trovava alcun motivo valido per cui l’uomo si fosse dovuto togliere la vita. Da questi dubbi è partito un lavoro d’indagine durato 6 mesi i cui risultati saranno mostrati a tutta Italia il prossimo 22 ottobre.

Indagine sulla Juve, Ruffo: “Potrebbe scatenarsi un terremoto”

In molti sono convinti che questa indagine possa causare una bufera di tipo sportivo e ‘Calciomercato.it’ ha voluto sapere qualcosa in più a riguardo intervistando in esclusiva l’autore del servizio. Dall’intervista si comprende subito che il primo problema emerso dopo il promo della puntata è stata la rabbia dei tifosi juventini nei suoi confronti: “Da quando è uscito il promo, schivo insulti e minacce come mai mi era capitato prima.  Quando si tocca il calcio, diventano tutti molto nervosi, senza raziocinio e controllo. Sarà complicato gestire il dopo, questo è un lavoro che ci è costato tanta fatica”.

Il giornalista sottolinea di essere  juventino sin dall’infanzia ma che dopo 6 mesi di lavoro investigativo fatica a guardare una partita della sua ex squadra del cuore. A questo punto gli viene chiesto se quanto emerso può causare un terremoto sportivo ed il giornalista risponde: “Sono tutti molto preoccupati, ma non ho elementi per dire se ci saranno risvolti di natura sportiva. Sono aspetti che attengono alla sfera penale di singole persone. Potrebbe scatenarsi un terremoto di natura etica, quello sì”.

Il suo obbiettivo però non è quello di scavare nel sordido della società piemontese, quanto quello di fare emergere la verità sulla morte di Bucci perché, dice in conclusione: “Tutto ha a che vedere con un bambino di 10 anni che ha perso un padre e merita di sapere esattamente chi era e cosa gli è successo”.

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews