Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Luigi Di Maio su deficit ed uscita dall’euro: “Non è una sfida all’Europa. Il piano B non esiste”

CONDIVIDI

reddito“Era necessario per finanziare il superamento della legge Fornero, il reddito di cittadinanza e i rimborsi per i truffati dalle banche”: con queste parole, il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio ha spiegato ai microfondi di Fanpage.it la scelta del governo di portare per il prossimo hanno il rapporto deficit / Pil al 2,4% (andando via via a dimunire fino all’1,8% del 2021).

Di Maio ha quindi aggiunto al riguardo, con un certo ottimismo: “Non è uno sfizio e non è una sfida all’Europa. Spiegheremo la manovra a Bruxelles e prevarrà il buonsenso. Finalmente invertiamo la tendenza, scenderà anche il deficit e abbasseremo il debito, così da dare anche una garanzia anche ai mercati”.

Per quanto riguarda i rischi legati all’aumento dello spread (potete tenere la siutazione sempre sott’occhio con i nostri aggiornamenti in tempo reale), Di Maio mostra ulteriore ottimismo, smentendo qualsiasi ipotesi legata all’eventualità dell’uscita dell’Italia dall’Euro: “Il piano B non esiste, questo governo ha una parola sola, non si esce dall’euro e non si esce dall’Unione Europea. Lo abbiamo detto quando ci siamo insediati e lo ribadiamo. Ma parliamo solo di tagli alla spesa improduttiva o di vera e propria ingiustizia sociale, come le detrazioni a banche o ai petrolieri. E pensiamo di riorganizzare anche la spesa militare per tagliare diverse centinaia di milioni di euro. Non faremo un commissario alla spending review, ma metteremo in piedi un team di esperti. Andremo avanti con la semplificazione, l’altra grande sfida per rendere più semplice investire in Italia, con la riduzione delle norme sul codice degli appalti e la sburocratizzazione, che comincerà dal decreto fiscale della prossima settimana”.

Per finire, una battuta sul Jobs Act: “Procede lo smantellamento pezzo per pezzo della riforma di Renzi, perché man mano che affronto crisi sociali mi rendo conto di quante persone hanno subito l’ingiustizia del Jobs Act. Come nel caso della Bekaert, crisi che abbiamo risolto grazie a un accordo che salva il reddito di circa 300 persone”.

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News.
Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews