Home Cultura

Banksy stupisce ancora: venduto per un milione di euro, un suo quadro si autodistrugge

CONDIVIDI

Chi ha assistito alla scena non poteva crederci, mai prima d’ora un’opera si era ‘autodistrutta’ poco dopo essere stata venduta ad un’asta. L’autore del gesto che ha dell’incredibile è nientemeno che il famoso street artist Bansky la cui opera, un quadro venduto in un’asta di Sotheby’s a Londra per un valore superiore al milione di sterline, ha ‘preso vita propria’ riducendosi in decine di strisce, il tutto nella stessa sala nella quale un fortunato acquirente se lo era appena aggiudicato.

Il quadro di Bansky si autodistrugge

Stimato tra le 200 e le 300 mila sterline, un valore pari a circa 230-340 mila euro, il quadro che ritrae una bambina con un palloncino rosso, opera dipinta nel 2002 a Londra in un murale e considerata da allora una delle sue più famose e amate, è stato aggiudicato da un’offerta telefonica di 860 mila sterline. Una cifra in realtà più alta, 1.042.000 sterline, considerati anche i vari bonus, ovvero 1,18 milioni di euro. Ma pochi istanti dopo, davanti agli occhi attoniti dei presenti l’opera ha cominciato a ‘tagliuzzarsi’ da sola in parte mentre un’allarme iniziava a suonare nella sala. Una vera e propria ‘performance’ che Bansky ha rivendicato sul suo profilo Instagram, condividendo un’immagine di quel momento che mostra il quadro parzialmente ridotto a brandelli.

I primi commenti

Alex Branczik, uno dei dirigenti di Sotheby’s, è stato il primo a commentare quanto visto, dichiarando, “We’ve just been Banksy-ed”, ovvero “siamo appena stati banksyzzati”. E’ possibile che sia stato lo stesso artista ad azionare il meccanismo di ‘autodistruzione’ del quadro. Resta ora da capire cosa fare con l’acquirente che, come sottolineato da Sotheby’s, è rimasto sorpreso. Ma l’investimento potrebbe rivelarsi a buon rendere: non è infatti da escludere che il quadro possa aver acquisito ulteriore valore.