Home Tempi Postmoderni L'Anti Bufala

La misteriosa scomparsa della città di Ashley: la bufala costruita intorno ad una città inesistente

CONDIVIDI

Ashley, la città americana inghiottita dalla terraAshley, secondo una storia messa in piedi qualche anno fa, sarebbe stata una città del Kansas andata distrutta in seguito ad un terremoto. Ma una città con questo nome non è mai esistita

La piccola città statunitense di Ashley (poco meno di 700 abitanti), sita nello Stato del Kansas, sarebbe misteriosamente scomparsa nel 1952 in seguito ad un violentissimo terremoto. Questa è la sintesi di una storia che circa sei anni (dal 2012) ha circolato in rete, traendo in inganno le persone che ne hanno appreso la travagliata vicenda. Oggi siamo in grado di dire che si tratta di una bufala: una città con questo nome, in Kansas, non è mai esistita.

Ashley, la bufala sulla città distrutta da un terremoto: la scoperta della verità

Un terremoto fortissimo durato mezza giornata e una serie di strani eventi avrebbero messo la parola fine alla vita di Ashley, una città del Kansas nella quale vivevano 679 abitanti. La tragica fine della città sarebbe avvenuta in un momento ben preciso: siamo nella nottata del 17 agosto del 1952.

La cittadina di Ashley fu letteralmente inghiottita dalla Terra, scomparendo insieme a tutti i suoi abitanti, dopo un violentissimo terremoto che era stato preceduto da altre scosse.

Quando le autorità arrivarono sul posto non trovarono più la cittadina ma una fessura apertasi nel terreno per circa un km di lunghezza e 500 metri di larghezza. Questa la prima versione della storia di Ashley apparsa in rete nel 2012.

Peccato che la cittadina di Ashley non sia mai esistita e che se ne sia iniziato a parlare soltanto dopo la sua comparsa in alcune storie pubblicate su internet. La storia contiene altri dettagli che sono facilmente smontabili: nel 1952 ci fu in Kansas un unico terremoto, verificatosi non in agosto (quando si dice che Ashley abbia incontrato la sua fine) ma in aprile.

Visto che i vari terremoti che avrebbero distrutto Ashley dovrebbero- secondo la storia- aver avuto una magnitudo compresa tra 7.5 e 7.9 gradi, non si capisce come nessuna cronaca abbia registrato la memoria di eventi sismici così importante. L’unica spiegazione plausibile è che il terremoto in questione non si sia mai verificato, nella misura in cui la stessa Ashley non sia mai davvero esistita.

Non reggono, dunque, le famose teorie della cospirazione secondo la quale si stia volutamente nascondendo- per una qualche ragione- quanto accaduto presso Ashley. Non esiste prova, in documenti anteriori rispetto al 1952, dell’esistenza della cittadina misteriosa del Kansas.

Maria Mento