Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Riace, video con esponente della ‘Ndrangheta: la gaffe di Matteo Salvini contro il sindaco- VIDEO

CONDIVIDI

Dopo l’arresto del sindaco di Riace, Matteo Salvini ha pubblicato un video che avrebbe dovuto supportare quelle accuse. Poi la scoperta della gaffe commessa

Riace. L’arresto del sindaco Domenico Lucano, colpevole di aver favorito gli sbarchi dei migranti utilizzando metodi poco ortodossi, ha scatenato una scia di solidarietà che ha portato molti manifestanti nelle piazze. Per mettere ancora una volta in difficoltà i sostenitori di Lucano, Matteo Salvini ha pubblicato un video sulla sua pagina Facebook. Salvo poi scoprire la tremenda gaffe commessa: l’uomo che compare in video è un affiliato della ‘Ndrangheta.

Matteo Salvini, la gaffe corre sul web: nel video un uomo arrestato nel 2011

Un video per tornare a parlare del caso migranti più clamoroso degli ultimi giorni, e cioè l’arresto del sindaco di Riace Domenico Lucano (oggi agli arresti domiciliari), e per far capire come il sindaco non abbia ben operato in quel contesto. L’idea di Matteo Salvini, che ha pubblicato il video sulla sua pagina Facebook, si è trasformata in una gaffe che è tornata indietro al mittente.

Con un post datato 6 ottobre 2018, sulla pagina di Matteo Salvini è comparso il seguente pensiero, accompagnato dal famoso video: “Oggi la sinistra (tra cui la Boldrini…) ha manifestato solidarietà al sindaco di Riace, finito ai domiciliari con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Quando hanno indagato me, l’Associazione Nazionale Magistrati ha difeso il pm dichiarando “basta interferenze”, ora diranno le stesse cose? Nel frattempo, se avete due minuti sentite cosa diceva questo cittadino di Riace parlando del sindaco….

Il cittadino che compare nel video è un uomo anziano di nome Piero Domenico Zucco, 61 anni, che si prodiga nel tentativo di smascherare la condotta nefasta del sindaco di Riace. Nel 2011, però, lo stesso Piero Domenico Zucco era stato arrestato con l’accusa di essere un prestanome del clan Ruga-Metastasio, tristemente famoso per la sua appartenenza al mondo della ‘Ndrangheta.

Dalla fedina penale di Piero Domenico Zucco emerge un suo coinvolgimento diffuso in attività di stampo mafioso. L’uomo ha inoltre gestito un locale appartenuto al boss Cosimo Leuzzi, attualmente detenuto con il 41 bis. Zucco, che è stato anche vicesindaco di Riace, è stato condannato dalla Cassazione nel 2015.

Maria Mento

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google
News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news:
http://bit.ly/NewNotizieNews