Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Chiede di essere arrestata per poter mangiare: la storia della senzatetto che ha commosso l’Italia

CONDIVIDI

Una senzatetto di 41 anni, condannata a vivere in strada causa povertà, ha commesso un reato per essere arrestata. Il motivo? In carcere verrebbe nutrita

La protagonista di questa tristissima storia, nella quale la misera domina sovrana, è una senzatetto di 41 anni. La donna, stremata dalla fame e dalla vita di strada, ha morso la mano di un Carabiniere che le aveva intimato di spostarsi dall’incrocio che aveva scelto per accamparsi sul marciapiede. La senzatetto ha chiesto al giudice di essere tradotta in carcere perché, almeno lì, l’avrebbero nutrita.

Senzatetto morde la mano ad un Carabiniere, la resistenza al pubblico ufficiale per sfuggire dalla fame

Una storia complessa quella della donna che è stata arrestata a Milano con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. La donna, una 41enne senza fissa dimora, ha morso la mano di uno dei due Carabinieri che l’avevano invitata ad allontanarsi dall’incrocio tra Via Cilea e Via Mantegna e contro di lei è stato intentato un processo per direttissima.

La senzatetto ha probabilmente agito con il chiaro scopo di essere tradotta in carcere: un posto più sicuro della strada, dove è sottoposta al freddo e alle intemperie e dove non riesce a nutrirsi.

In strada dallo scorso giugno, la donna ha raccontato in aula di essere stata allontanata dalla casa della madre che l’ha denunciata per maltrattamenti e che sporadicamente si ritrova a fare uso di cocaina (pur non avendo mai rubato denaro per procurarsela).

Portatemi in carcere a San Vittore, almeno stasera potrò avere un pasto caldo e farmi la doccia“, sarebbe arrivata a dire la donna al Pubblico Ministero che si è, così, trovato dinanzi ad una disperata supplica.

La senzatetto ha raccontato altri dettagli della sua storia: “Mangio solo tre volte alla settimana -, quando cioè prendo il pacco della Caritas. Contiene tre scatolette di tonno, una di carne, un litro di latte e quattro pacchetti di cracker. Niente pastasciutta da mesi“. Per la senzatetto che era solita rifugiarsi in un palazzo situato di fronte all’incrocio dove tutto si è svolto,  anche una lettera– rimasta senza risposta- indirizzata al sindaco di Pioltello.

Dopo il racconto fatto dalla donna, il giudice ha confermato l’arresto e la sua permanenza della donna in carcere. Sono stati inoltre allertati i servizi sociali. La senzatetto, una volta venuta a conoscenza del suo destino, ha ringraziato il giudice per aver accolto la sua preghiera.

(Foto d’archivio)

Maria Mento

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google
News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news:
http://bit.ly/NewNotizieNews