Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Esplode smartphone appoggiato sul letto, neonata di 3 mesi rischia di morire

CONDIVIDI

Un gesto di quelli che si fanno sovrappensiero e certamente senza curarsi troppo dei potenziali rischi, stava per costare caro ad una neonata. Tutto a causa di uno smartphone che la madre aveva appoggiato sul letto accanto alla figlia quando, improvvisamente, la batteria al suo interno è esplosa. L’episodio è avvenuto a Perugia, in un appartamento di Ponte San Giovanni e ha avuto delle conseguenze sia sul corpo della donna che, soprattutto, su quello della figlia tanto che entrambe sono state soccorse e ricoverate in ospedale.

Esplode smartphone, la bimba ha rischiato di morire

In merito alla dinamica dell’incidente è stato l’ospedale a spiegare, attraverso l’ufficio stampa, quanto è accaduto: la madre, si legge nella nota diffusa in seguito al ricovero, ha lasciato il cellulare sul letto salvo poi sentire, pochi minuti dopo, un forte rumore dovuto allo scoppio dello stesso mentre stava preparando il biberon in cucina. Accorsa nella stanza, nella quale erano presenti la figlia di soli tre mesi e la nonna, si è trovata davanti ad una scena potenzialmente molto pericolosa. Le fiamme avevano infatti avvolto la coperta ed il materasso del letto matrimoniale, sopra il quale si trovava la piccola che la madre è riuscita a portare in salvo.

Il racconto della madre

Il ricovero, previo immediato intervento del 118, è avvenuto per un principio di intossicazione da monossido di carbonio. La neonata ha seriamente rischiato la vita: se la donna non l’avesse portata in tempo fuori dalla stanza sarebbe potuta morire; al momento i sanitari della struttura pediarica ed i medici la tengono sotto osservazione monitorandone l’attività respiratoria. La madre vive a 13 anni a Perugia ed è di origine nord-africana: ha già avuto modo di raccontare l’accaduto ai carabinieri della stazione di Ponte San Giovanni i quali, in seguito all’incidente, hanno effettuato un sopralluogo. Lo smartphone sarebbe stato acquistato meno di un anno fa e prima dello scoppio non aveva evidenziato alcun problema particolare.