Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Massimo Bossetti all’ergastolo, la moglie si sfoga: “Lo conosco da quando eravamo ragazzi e so che non mente”

CONDIVIDI

Bossetti e Yara

Nonostante la sentenza della Cassazione – che ha confermato l’ergastolo per Massimo Bossetti, considerato l’assassino della 13enne Yara Gambirasio, scomparsa il 26 novembre 2010 a Brembate di Sopra (in provincia di Bergamo) e trovata senza vita a distanza di tre mesi – la moglie di Bossetti, Marita Comi, è convinta dell’innocenza del marito.

E lo proclama attraverso le dichiarazioni inoltrate dal suo avvocato Claudio Salvagni e riportate dal giornale Libero: “Massimo è innocente, ed è quello che ripeto ai nostri figli. Lo conosco da quando eravamo ragazzi e so che non mente. Ho dei figli che stanno crescendo, se non fossi convinta della sua estraneità all’assassinio della piccola Yara, non sarei certo rimasta con lui”.

“E’ un momento drammatico per Massimo, per tutti”, ha aggiunto la donna, anche perché Bossetti si continuia a proclamare innocente e la speranza era “che gli fosse data la possibilità di ripetere la prova del Dna, invece nulla”.

Bossetti rimane in carcere (attualmente a Bergamo, ma verrà presto trasferito nel penitenziario dove dovrà scontare la pena, a Bollate o ad Opera, nel milanese) e non riesce ad adattarsi alla vita dietro le sbarre: “Osserva gli altri detenuti, e mi dice che molti di quelli colpevoli alla fine si rassegnano e iniziano un percorso di ricostruzione. Invece Massimo non ci riesce, perché è innocente e quindi non accetta la privazione della sua libertà”.

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews