Home Cultura

Archeologia, scoperto un passaggio “rituale” sotto alla “Piramide della Luna”

CONDIVIDI

La “Piramide della Luna” svela un passaggio usato per i riti connessi agli inferi

La “Piramide della Luna” è la seconda piramide più grande- dopo la Piramide del Sole- che si possa visitare a Teotihuacan, uno dei più imponenti siti archeologici del Messico.

La costruzione, cosiddetta per l’imponente oggetto a forma di luna issato dagli Aztechi sulla sua vetta, è stata indagata recentemente dagli archeologi. Sondando le sue fondamenta gli studiosi hanno scoperto tantissimi dettagli sulle sue diverse fasi di ricostruzione (ben sei), portando alla luce un passaggio che prima non si conosceva.

Un passaggio al di sotto della Piramide della Luna: ecco le ultime scoperte archeologiche in Messico

C’è un passaggio che si trova sotto alla Piramide della Luna, in Messico. Il camminamento, scoperto da un team di esperti che si stava occupando di studiare la struttura piramidale sita nell’antica città di Teotihuacan, potrebbe avere forti connessioni con il mondo degli inferi e con gli antichi riti ad esso connessi.

Gli archeologi che stanno lavorando a questa nuova, sensazionale, scoperta non escludono tutte le implicazioni connesse con questa ipotesi, inclusa la possibilità di trovare resti tangibili di ossa umane.

La scoperta sarebbe stata fatta lo scorso anno grazie all’utilizzo della tecnica che sfrutta l’utilizzo della strumentazione per il laser scanning. Il tunnel si trova a 26 piedi di profondità rispetto al corpo di fabbrica della piramide, che si pensa essere anteriore alla data del 200 d.C.

La sua costruzione potrebbe non essere affatto casuale: si potrebbe trattare di una rappresentazione del mondo degli inferi, contrappsto a quello dei viventi e simboleggiato dalla piramide che invece svetta sulla superficie della terra.

Della scoperta ha parlato Veronica Ortega, Direttrice del Progetto di conservazione integrale  della Piramide della Luna: “Precedenti esplorazioni hanno permesso di trovare scheletri di individui con deformazione cranica, come nell’area Maya, e diversi oggetti di pietra verde (collane, figure antropomorfe realizzate con mosaici). Quindi non è difficile pensare che qualcosa di simile possa essere trovato nel sottosuolo. Il tunnel si trova a sud della piramide, ma è probabile che ci sia un altro ingresso sul lato est.
Ciò che si trova all’interno potrebbe aiutare a svelare le relazioni che questa antica metropoli aveva con altre regioni della Mesoamerica. La scoperta confermerebbe che gli abitanti di Teotihuacan seguivano lo stesso schema nei loro templi larga e che la loro funzione sarebbe quella di emulare gli inferi
“.

Maria Mento

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google
News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news:
http://bit.ly/NewNotizieNews