Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Scossa da 6 di magnitudo nell’area che aveva fatto scattare l’allerta tsunami nel sud

CONDIVIDI

sismografo
Ancora una violenta scossa di terremoto a largo della costa greca

Dopo la paura generata dalla scossa di magnitudo 6.8 verificatasi a largo della costa di Zante (Grecia) il 26 ottobre scorso, oggi le fagli della costa ionica ellenica sono tornate a liberare energia freatica: una prima scossa di forte entità si è verificata questa mattina nel mar Ionio (magnitudo 5.2) ed è stata avvertita anche nelle città siciliane. Poco fa un’altra scossa di magnitudo 6.0, questa volta con epicentro nei pressi dell’isola di Zante e della costa occidentale greca ha fatto tremare il Peloponneso ed è stata avvertita distintamente in tutto il sud Italia.

Scossa di magnitudo 6 in Grecia, nuovo allerta tsunami?

Come spiegato dagli esperti dopo la violenta scossa verificatasi 4 giorni fa, questi terremoti sono dovuti alla presenza di diverse faglie sul fondale del Mar Ionio. Il terremoto di giorno 26 è stato talmente violento da causare l’apertura di un’altra faglia nei pressi della costa siciliana che ha causato a sua volta un mini tsunami con onde dai 5 ai 10 centimetri (lo stesso livello generato dalla partenza di una nave da un porto) che hanno raggiunto le città costiere siciliane e calabresi. Al momento non è chiaro se il sisma registrato oggi alle 16:12 abbia causato un fenomeno simile, ma il timore che una scossa più violenta possa generare un’onda anomala devastante è sempre tenuta in considerazione.

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews