Hiv, vicini alla cura definitiva? gli incredibili risultati dei test sull’uomo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:29

Sempre più vicini alla cura dell’Hiv? un importante quanto prezioso passo avanti nella lotta contro il virus mortale è stato fatto grazie ad una serie di test effettuati utilizzando il farmaco Gammora che, stando a quanto rilevato dagli scienziati, avrebbe eliminato fino al 99% del virus nel corso delle prime quattro settimane di trattamento dando risultati che, spiegano gli esperti, sono andati oltre le aspettative.

Cura per l’Hiv? gli esperti sono speranzosi

Il lavoro è stato portato avanti da Zion Medical, compagnia israeliana di biotecnologie, di concerto con l’Università ebraica di Gerusalemme e con la Sirion Biotech che ha sede in Germania. I risultati aprono le porte alla possibilità di una cura definitiva dell’Hiv: il farmaco ha infatti ucciso le cellule infette da Hiv nei soggetti umani senza andare a danneggiare le cellule sane. Una speranza concreta che il virus, comparso per la prima volta 35 anni fa, possa finalmente essere sconfitto.

I test condotti sui pazienti con l’Hiv

“Questi primi risultati clinici – ha confermato la dottoressa Esmira Naftali, responsabile dello sviluppo di Zio Medical – sono andati oltre le nostre aspettative e offrono una speranza nella possibilità di trovare una cura per la malattia”. Il virus mortale, trasmesso sessualmente, infetta le cellule del sistema immunitario note come cellule T. I test sono stati condotti tra i mesi di luglio e agosto su nove pazienti del Ronald Bata Memorial Hospital, in Uganda, ai quali è stata somministrata una dose di Gammora per circa cinque settimane. “La maggior parte dei pazientti – ha detto Naftali – ha mostrato una significativa riduzione della carica vitale del virus, fino al 90%”.