Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Elezioni Midterm americane: i democratici prendono la Camera, Trump resta saldo al Senato 

CONDIVIDI

Elezioni midterm, i democratici prendono la Camera

Le elezioni midterm americane si sono concluse. I democratici hanno conquistato, per la prima volta in otto anni, il Senato; invece la Camera è rimasta nelle mani dei Repubblicani, il partito di Trump. 

Insomma, le elezioni di metà mandato, che statisticamente sono sempre difficili per il partito al Governo (Obama nel suo mandato aveva perso sia camera che senato durante le elezioni midterm) sono andate né troppo bene né troppo male per il partito Repubblicano. 

In Indiana e Texas i repubblicani stravincono i repubblicani, ma per la camera i sondaggi inchiodano Trump. La camera, i sondaggi lo avevano rivelato, sarebbe stato il vero tallone d’achille per il presidente. Lì infatti i democratici sono riusciti a recuperare i seggi ed hanno ottenuto la maggioranza.

Gli elettori premiano Trump 

Insomma, la fantomatica “onda blu” che secondo i giornali avrebbe dovuto travolgere i repubblicani, facendo vincere i democratici, non s’è vista. Ma del resto, i media si sbilanciano sempre troppo. Trump ha superato con successo le elezioni midterm che sono tradizionalmente sempre molto dannose per il partito di governo e che vedono un calo del consenso. Il voto di metà mandato infatti è in genere un “castigo” degli elettori  di di fronte agli errori commessi dal partito che hanno votato. 

Certo, senza la camera la presentazione delle leggi sarà più lenta: ma ora appare chiarissimo a tutti coloro che ritenevano che Trump sarebbe stato “sommerso dai democratici”, quasi che i suoi elettori si fossero pentiti di averlo votato, che il successo dei democratici alla camera sembra più il risultato di una riorganizzazione della sinistra (che ha abbandonato la Clinton, leader non in grado di catalizzare voti).

Invece gli elettori dei repubblicani hanno ampiamente premiato il partito di Trump. Inoltre le elezioni di midterm, per quanto siano “un giudizio sulla presidenza”, sono anche legate strettamente ai destini locali: cioè gli elettori votano anche sulla base dei singoli candidati (repubblicani o democratici) radicati sul territorio, ed ecco che il “giudizio sul presidente”, inevitabilmente, sfuma. 

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews