Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

“Buffone, ridicolo…”: il video della signora fermata per aver contestato Salvini fa il giro del web

CONDIVIDI

Fermata per aver contestato SalviniFermata per aver contestato Salvini, il video del fermo è diventato virale

La notizia che una signora di Roma è stata fermata da quattro poliziotti in borghese di fronte all’Università in cui Matteo Salvini avrebbe partecipato ad un convegno sul fenomeno delle sette organizzato dal Dipartimento della pubblica sicurezza e dall’associazione Giovanni XXIII ha destato scalpore. La donna si era infatti fermata in attesa dell’arrivo del vice premier e quando l’ha visto gli ha urlato contro “Ridicolo, buffone” concludendo la sua opera di dissenso con dei fischi.

Com’è possibile vedere da un video che circola in rete da diverse ore, la sua unica colpa è stata quella di fischiare contro il vice premier. Dopo averlo fatto quattro agenti in borghese le hanno detto che non poteva fischiare e quando lei ha provato a farlo nuovamente è stata bloccata ed allontanata con la forza. Il video si interrompe dopo che la signora viene portata dietro l’angolo, ma si è scoperto che dopo il fermo la donna è stata portata in commissariato e denunciata per essersi rifiutata di mostrare i documenti.

Signora fermata per aver  contestato Salvini: “L’aria è cambiata in 3 mesi, c’è accanimento contro chi dissente”

A distanza di qualche giorno dall’accaduto, la signora ha voluto condividere la propria versione dei fatti in un’intervista concessa al ‘Corriere della Sera‘. Dopo aver spiegato di essersi infastidita perché i poliziotti le impedivano di contestare un membro del governo, la donna si sfoga e spiega che quella presa dall’Italia è una china pericolosa: “In tre-quattro mesi l’aria in Italia è cambiata fino a questo punto, che c’è un accanimento contro le persone che esprimono dissenso e contro chi è di colore”, spiega la donna che poi accusa le autorità di non prestare la giusta attenzione ai veri problemi dell’Italia: “A San Lorenzo, invece, ad esempio, è morta una ragazza e nessuno contrasta gli spacciatori. I poliziotti devono sapere che non è pericoloso chi contesta, le vecchiette non rappresentano un rischio per la sicurezza, ma lo è invece chi è potente, i clan mafiosi e altri che comandano in centro”.

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews