Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

L’UE vuole sanzionare l’Italia perché i vecchi governi non hanno ridotto il debito. Ma perché solo oggi?

CONDIVIDI

La manovra italiana è Ok. Quindi perché veniamo sanzionati?

L’UE vuole sanzionare l’Italia perché i vecchi governi non hanno ridotto il debito. Ma perché solo oggi?La sconvolgente realtà dietro la manovra economica bocciata dalla commissione UE è che la manovra italiana rispetta le normative UE. Non si tratta di un dato opinabile: la manovra e economica si mantiene sotto il rapporto deficit/PIL del 3%, a differenza delle ‘vecchie’ manovre del 2016 e del 2017. La manovra di bilancio del Governo Conte per il 2019 prevede un rapporto del 2,4%: inferiore, se la matematica non è divenuta un’opinione, alla regola del 3%. 

Qual è quindi il motivo per cui adesso la Commissione vuole cominciare una procedura di infrazione verso l’Italia? In sostanza, se è vero che l’Italia non ha sforato il 3%, la procedura per deficit eccessivo può essere comunque aperta se non viene rispettata la regola per cui il debito non deve superare il 60% del PIL. Qual è il problema? Il problema è che l’Italia non ha mai rispettato questa regola. In sostanza ci sono stati anni in cui l’Italia è rimasta con un debito sopra il 100% del PIL. Nessuno le ha mai contestato niente per anni. Adesso, stranamente, saltano fuori gli altarini. 

Strano anche perché per il 2019 saranno molti altri i Paesi con un PIL superiore all’85%, secondo le previsioni (Grecia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio e Cipro). Ma perché solo l’Italia viene punita? 

L’Italia punita per i governi precedenti? 

Insomma, la Commissione Europea, dando il via alla procedura per debito eccessivo dell’Italia con un report di 21 pagine, contesta non all’Italia di Conte di aver prodotto un eccessivo debito pubblico, ma ai governi precedenti. In pratica, quelli del 2016 e 2017, guidati rispettivamente da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni. 

“Sulla base dei dati notificati e delle previsioni dell’autunno 2018 della Commissione, l’Italia non ha rispettato il parametro di riduzione del debito nel 2016 (gap del 5,2% del PIL) o nel 2017 (gap del 6,6% del PIL)” si legge nel documento. Ma si tratta dei vecchi governi, evidentemente. 

Leggasi: l’Italia di oggi viene sanzionata non per una questione attinente all’odierna manovra, ma per le manovre precedenti. Inoltre “in base ai piani governativi e alle previsioni dell’autunno 2018 della Commissione, l’Italia non dovrebbe rispettare il parametro di riduzione del debito nel 2018 o nel 2019” si legge nel documento. Come ben pochi altri Paesi nell’area UE. Ma viene sanzionata solo l’Italia. Sanzioni economiche… o sanzioni politiche? 

Roversi MG.

NewNotizie.it è anche stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Clicca sul seguente url per non perdere le nostre news: http://bit.ly/NewNotizieNews