Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Cicciolina disperata: “Senza il vitalizio non so come pagare le bollette, ecco con quanto vivo”

CONDIVIDI

Cicciolina disperata: “Senza vitalizio non ce la faccio”

Cicciolina disperata: “Senza il vitalizio non so come pagare le bollette, ecco con quanto vivo”L’ex pornostar Cicciolina è disperata per il taglio del vitalizio. Tempi duri per l’ex pornostar e parlamentare Ilona Staller, meglio conosciuta come Cicciolina: dopo il taglio del vitalizio al quale aveva diritto come parlamentare, l’ex icona del mondo dell’hard sostiene di avere delle grosse difficoltà.

Non riuscirebbe neppure a pagare le bollette, secondo quanto recentemente rivelato. Le sue dichiarazioni hanno fatto sorgere un insieme di proteste e di polemiche. 

“Con 800 euro al mese non riesco a vivere”

Ai microfoni della trasmissione radio I Lunatici, la Staller ha sostenuto che dopo il taglio del vitalizio non è più riuscita a vivere serenamente. Il taglio le avrebbe imposto di vivere con troppi pochi soldi, secondo lei. 

“Il mio vitalizio? Io prendevo 2mila euro, ora sono 800. Ditemi voi come faccio a pagare la luce, il condominio, il riscaldamento, le tasse” risponde alla trasmissione radio l’ex icona del porno. 

Ma Cicciolina non si sente ancora sconfitta e vuole ricorrere in Tribunale, se necessario, per riavere quello che per lei è un vero diritto. “Non è corretto quello che è successo. È anticostituzionale. Ho già depositato il ricorso con il mio avvocato, ora vedremo cosa dirà il giudice. Sono fiduciosa perché insieme a me ci sono oltre 700 ex deputati a cui sono stati decurtati i vitalizi” ha commentato Cicciolina.

Aumentando le polemiche dovute al fatto che la donna godeva di un assegno di 2mila euro al mese, il vitalizio appunto, per essere rimasta in Parlamento solo per una legislatura, dal 1987 al 1992 (inserita da Pannella per il Partito Radicale).