Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Macron cede ai gilet gialli: stop aumenti su benzina. Ma loro vogliono molto di più 

CONDIVIDI

Macron cede ai gilet: no aumenti benzina 

Alla fine Emmanuel Macron ha fermato gli aumenti sulla benzina. Il governo francese ha sospeso l’aumento delle tasse sui carburanti che ha rappresentato il momento simbolico dello scoppio delle proteste in Francia, ad opera dei Gilet Gialli.

Non si tratta, comunque, di una cancellazione della misura, ma solo di una sospensione. E per ora non è possibile prevedere se verrà fatta marcia indietro. Per ora si tratta di una moratoria di alcuni mesi che dovrebbe essere accompagnata da altre misure per la pacificazione. 

Il Capo del Governo presenterà le proposte dell’esecutivo decise all’Eliseo con il presidente Emmanuel Macron ai gruppi di rappresentanti dei Gilet Gialli. 

Ma i gilet gialli vogliono molto di più 

Questo però potrebbe non fermare la protesta, che più volte ha richiesto specificamente le dimissioni di Macron. Nonostante molti giornali, specie quelli italiani, abbiano cercato di sminuire la portata della protesta parlando solo di ribellione per gli aumenti della benzina, la verità è altra. I gilet gialli si sono ribellati perché vogliono una società più equa, più giusta, e una reazione al loro potere d’acquisto che è sceso enormemente con la presidenza di Macron e che fa sentire la classe medio-bassa più povera. 

I francesi chiedono, fra le altre cose, di abbassare l’età pensionabile, più aiuti alle famiglie, controllo dell’immigrazione. La protesta trasversale che coinvolge destra e sinistra, la protesta del popolo contro il potere, è probabilmente solo agli inizi. Ecco un piccolo schema delle rivendicazioni dei gilet gialli. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram