Home Tempi Postmoderni Curiosità

Presepe vietato in un centro commerciale scozzese per i non cattolici

CONDIVIDI

Il centro commerciale Thistles in Scozia ha attirato su di sè non poche polemiche per quanto riguarda questo periodo prenatalizio: la dirigenza del centro ha infatti deciso di non esporre un bel presepe per essere il più neutrale possibile, sia dal punto di visto politico che religioso.

L’associazione cattolica ‘Santa Maria’ a questo proposito è passata all’attacco dichiarando: “La struttura si vanta della neutralità religiosa quando in realtà queste settimane sfruttano l’ondata di festa per aumentare in modo considerevole i loro guadagni commerciali attraverso numerose vendite in più rispetto ad altri periodi”. E hanno proseguito: “Capiamo che nessuno voglia religiosi o pastori evangelici nel centro commerciale, ma la nostra richiesta era solo quella di avere un presepe come simbolo di questo importante momento da celebrare e sarebbe stato sorvegliato“.

Tuttavia un portavoce del centro commerciale ha così risposto: “Il nostro centro si vanta di essere religioso e politicamente corretto, nel rispetto della comunità locale. Per questo motivo abbiamo ritenuto non giusto tenere un presepe all’interno della struttura. I nostri clienti vengono a godersi qualche attività ricreativa e ore di svago, non è nostra intenzione influenzarli con le convinzioni di singole organizzazioni“. I clienti e diversi gruppi religiosi hanno però chiesto alla direzione di cambiare idea e fare dietrofront sull’argomento. Dai piani alti del centro però è arrivata questa risposta: “Non siamo disposti a riconsiderare questa decisione e speriamo che i clienti e le associazioni siano disposti a mettere la parola fine su questa faccenda che è durata anche troppo“.

A questo punto un portavoce della Chiesa di Scozia ha commentato: “E’ un risultato molto deludente vedere che si sia perso completamente il senso del Natale e il suo vero valore. Quando un centro commerciale punta tutto sulle vendite e non ha intenzione di celebrare una festa come il Natale, allora è una sconfitta su tutti i fronti per la nostra comunità“.

Simone Ciloni