Home Spettacolo Gossip

Per Meghan Markle la Regina rompe una tradizione natalizia ed apre ai non reali

CONDIVIDI

Dallo scorso maggio, quando si è celebrato il famosissimo ‘Royal Wedding’ tra l’attrice americana Meghan Markle (star tra le altre cose della serie Suits) e il giovane principe Harry, quest’ultima si sta abituando sempre più alla vita e tradizioni della famiglia reale.

Ha infatti dovuto abbandonare il suo ‘cibo spazzatura’ (che ogni tanto adorava mangiare) e dare un drastico cambio al suo look per adeguarsi alla sobrietà britannica; ma non sono gli unici sacrifici che la bella Meghan ha dovuto fare.

Secondo quanto riporta il magazine Insider, la Regina Elisabetta ha infatti rotto una tradizione natalizia storica appositamente per lei. Quando Meghan e e il principe Harry hanno annunciato il loro fidanzamento lo scorso novembre, la Regina la ha invitata a passare il Natale con tutta la sua famiglia. Poichè la Markle non era ancora un membro della famiglia reale, la nonna di Harry è andata contro una tradizione di lunga data, che non permetteva ai non reali di passare le vacanze con gli altri membri della ‘Royal Family’; è risaputo infatti che alle celebrazioni annuali durante le festività natalizie che si svolgono a Sandringham partecipano soltanto i parenti e famigliari della famiglia reale.

Sua Maestà a quel punto però ha rotto la tradizione e ha invitata la futura nuora. Quest’anno la Regina ha invitato anche la mamma della Duchessa di Essex (la signora Doria Ragland) nella loro casa di campagna nel Norfolk. Altra regola infranta è che non si possa parlare a Lei in certi momenti durante il pranzo. Elisabetta infatti durante la prima portata parla sempre con la sua persona alla sua destra, mentre alla seconda si rivolge a quella alla sua sinistra. Fortunatamente questo capita solo nelle cene formali, mentre ad eventi familiari non c’è questo iter da rispettare.

Siamo di fronte ad una Regina Elisabetta sempre più moderna e flessibile, mantenendo un’eleganza e stile che la rendono unica e amata in tutto il mondo.

Simone Ciloni