Home Televisione

The Voice 2019, Simona Ventura torna in Rai per condurre il talent?

CONDIVIDI

Il prossimo anno, dal punto di vista professionale, potrebbe essere all’insegna delle novità per Simona Ventura. Secondo quanto riporta “Tvblog”, in esclusiva, la conduttrice sarebbe pronta al suo grande ritorno in Rai, dopo diversi anni, al timone della nuova edizione di “The Voice”, talent show musicale che, per amor di verità, non ha mai brillato per ascolti, tantomeno fatto emergere grossi talenti musicali che abbiano poi avuto una carriera sfavillante (come succede, al contrario ad “X Factor”).

Simona Ventura

A proporre la conduzione del programma a Supersimo, che lo scorso anno è stata affidata all’irriverente Costantino Della Gherardesca, sarebbe stato Carlo Freccero in persona, nuovo direttore di Raidue, il quale avrebbe deciso di rivoluzionare completamente il talent, a partire dalla conduzione, per finire alla giuria, interamente composta da volti nuovi, dei quali, però, non si conoscono ancora le identità.

Ma quella di “The Voice”, non sarebbe l’unica proposta fatta a Simona che, negli ultimi anni, è stata un pò messa da parte dagli addetti ai lavori del panorama televisivo italiano, tanto da essere finita a Sky. Sembra, infatti, che la Ventura sia stata chiamata a condurre anche la prossima edizione de “La Pupa e il Secchione”, che andrà in onda il prossimo anno su Italia 1. Ad ora, di sicuro c’è il fatto che rivedremo Simona alla conduzione della prossima edizione di “Temptation Island Vip”. Come vi avevamo raccontato attraverso questo post, la presentatrice, ospite di “Mattino Cinque” qualche giorno fa, ha dichiarato che sono attualmente in corso i casting, per trovare le nuove coppie di Vip che partiranno alla volta della Sardegna, la prossima estate.

Cosa deciderà di fare Simona? Accetterà la proposta della Rai? Tornerà anche ad Italia 1? Opterà per la conduzione di un solo programma, a discapito dell’altro? Per il momento, non è dato saperlo. Noi restiamo in campana e vi terremo aggiornati!

Maria Rita Gagliardi