Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Turiste violentate ed uccise in Marocco, secondo la polizia è terrorismo. E spunta il video choc dell’omicidio

CONDIVIDI

Turiste uccise in Marocco, per la polizia è terrorismo 

Secondo la polizia le due ragazze scandinave uccise in Marocco sarebbero state uccise da dei fondamentalisti islamici. 

Turiste violentate ed uccise in Marocco, secondo la polizia è terrorismo. E spunta un video choc
I tre sospetti fermati dalle autorità marocchine

Le due studentesse, 24enne danese Louisa Jesperen, e la 28enne norvegese Maren Ueland, sono state trovate senza vita sul monte Toubkal, a circa 70 km da Marrakech, Marocco. Le due erano partite assieme per andare a fare un’escursione sul monte più alto del Marocco e sono state barbaramente uccise.

Spuntano dettagli choc dall’autopsia delle due ragazze: infatti le due giovani sarebbero state prima violentate e poi uccise con un taglio alla gola. 

Intanto tre uomini, secondo i giornali norvegesi, sono stati fermati dalle autorità marocchine in relazione al terribile e barbaro omicidio delle due ragazze: lo conferma il ministero dell’Interno di Rabat. 

La polizia: “Sono stati fondamentalisti islamici” 

Secondo la polizia marocchina, gli autori del massacro delle due sventurate studentesse europee sarebbero un gruppo di uomini legati al fondamentalismo islamico. Ora è spuntato un video dell’orrore dove si vedrebbe un uomo che tiene il coltello in mano e si avvicina a una delle due ragazze. 

Il sospetto che gli assassini, che sono quattro, siano terroristi emerge anche perché nel video si vedono i quattro vicino ai corpi, mentre gridano “vendetta”. 

Il filmato, che potrebbe ritrarre proprio la morte delle due povere giovani, è stato consegnato alla Procura come ha confermato il Procuratore marocchino, che parla di “indagini per terrorismo”. La conferma della pista terroristica viene quindi direttamente dalle autorità locali. 

La ricostruzione del terribile omicidio 

Louisa Jesperen, e Maren Ueland avrebbero piantato la loro tenda nella piana di Imlil, a qualche km da un centro abitato dal quale partono spedizioni verso la vetta della montagna. Nella notte fra domenica e lunedì sarebbero state aggredite da un gruppo di giovani, che sarebbero stati visti (e filmati dalle videocamere) mentre giravano in città. 

I corpi di Louisa Jesperen, e Maren Ueland sono stati scoperti qualche ora dopo da alcuni escursionisti che hanno subito dato l’allarme. 

Ora le indagini, come detto, vertono sull’area del fondamentalismo islamico e sulla ricerca dei quattro che sono stati visti anche nella zona del terribile omicidio. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram