Paolo Bonolis e il compleanno “sfarzoso” della figlia 16enne: piovono critiche dai social

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:42

Si sa, ogni genitore, secondo le proprie possibilità, cerca di accontentare i propri figli ed è esattamente questo ciò che ha fatto Paolo Bonolis, per il compleanno di sua figlia. In occasione del sedicesimo compleanno della figlia Silvia, il conduttore, che ritroveremo presto su Canale 5 al timone di “Avanti un altro” e “Ciao Darwin”, e la moglie Sonia Bruganelli hanno organizzato una festa da favola che, com’era prevedibile che fosse, è stata contestatissima sui social.

Paolo Bonolis

In onore di Silvia, Paolo e Sonia hanno organizzato una bellissima festa al “Piper”, locale storico di Roma, al quale hanno partecipato amici e parenti della ragazza, una festa a base di dolci, pizzette, foccaccine e champagne. Ma non è tutto, perchè Paolo e Sonia, per rendere veramente felice la figlia e, soprattutto, potendoselo permettere, hanno realizzato un sogno condiviso da molti ragazzini della stessa età di Silvia: un concerto privato al quale hanno presenziato gli idoli musicali della ragazza: Baby K e Riki. Baby K si è esibita sul palco e alla fine della sua performance ha regalato a Silvia un cd con una dedica. Riki, invece, ha intonato per la festeggiata “All i want for Christmas is you”, celebre brano di Mariah Carey.

Come vi dicevamo poc’anzi, la festa ha scatenato un mare di polemiche che si è abbattuto su Bonolis e consorte. Sulla pagina Instagram della Bruganelli, infatti, si leggono commenti del tipo: “Una cafonata. Non si tratta di poterselo permettere o meno, ma questa è un’esagerazione. E quando si sposa? Cosa cazzo fanno?!? Ma dai ci vuole buon senso”. E ancora: “Volete far vedere che avete i soldi? Come viziate voi i vostri figli, nessuno mai. Vergognatevi. E poi quel cibo? È stato mangiato tutto?”.

Non è la prima volta che Paolo Bonolis e famiglia sono bersaglio dei social. Già in passato, la coppia era stata criticata per l’utilizzo di un jet privato ad Ibiza. A tali critiche, Sonia aveva risposto: “Comunque l’aereo privato non è nostro. Si può prendere per piccoli spostamenti e noi, avendo molti bimbi, di cui una non proprio velocissima negli spostamenti, lo noleggiamo ogni anno. Potendo farlo, perché no?”.

Risponderà anche questa volta?

Maria Rita Gagliardi