Dopo la bomba sul bus dei turisti, la polizia egiziana uccide 40 terroristi: “Preparavano attacchi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:48

Polizia egiziana uccide 40 presunti terroristi

Dopo la bomba sul bus dei turisti, la polizia egiziana uccide 40 terroristi: “Preparavano attacchi”La polizia egiziana ha ucciso 40 presunti terroristi islamici nel corso di diversi raid contro alcune cellule jihadiste nella regione. I raid della polizia sono stati programmati dopo che una bomba è esplosa contro un pullman di turisti vietnamiti, uccidendo quattro persone.

L’attentato è avvenuto l’altro ieri vicino alle piramidi di Giza, scatenando il terrore e scagliando un grave colpo all’economia egiziana che si basa sul turismo. Si tratta del primo attentato contro i turisti dal 2017. 

Per questo motivo la polizia egiziana ha reagito prontamente e in modo severo, uccidendo almeno quaranta sospetti terroristi nel corso di alcuni scontri a fuoco tenutosi nel Nord del Sinai e di Giza. 

Il ministero dell’interno ha comunicato che il gruppo terroristico coinvolto nel conflitto a fuoco stava preparando degli altri attacchi contro lo Stato, nei siti turistici, contro la polizia e le chiese. 

“Volevano attaccare turisti e chiese”  

Trenta jihadisti sono stati uccisi nel governatorato di Giza, altri dieci nel corso di un raid nella penisola a nord del Sinai. 

Il ministero dell’interno egiziano non ha collegato direttamente il raid contro i terroristi all’attentato di ieri, tuttavia c’è stato un nesso temporale fra l’azione della polizia e l’attacco terroristico. 

Intanto nella sera di sabato cinque militari egiziani in un’esplosione che ha colpito l’auto dove viaggiavano ad Al Arish, Nord del Sinai. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!